Articoloschede

Incentivi fiscali all'occupazione femminile

Le novità del "salva Italia" sull'Irap e l'allargamento del credito d'imposta al Sud

Articoli correlati

Quote di genere nelle società quotate e nelle società pubbliche

Cosa contiene il programma adottato dalla Commissione europea per gli investimenti per l'inclusione sociale, incluso negli obiettivi Europa 2020

Come nasce, e cosa significa, la parola "femminicidio"

I tre nuovi indicatori introdotti nel 2011 dall'Eurostat, che forniscono informazioni che vanno oltre la distinzione convenzionale tra occupati, disoccupati ed inattivi.

Nel decreto detto “salva Italia”, varato nel dicembre 2011, il governo Monti ha previsto un aumento della deduzione Irap per donne e giovani; altre misure incentivanti all'assunzione di donne sono nel decreto cd. “semplificazione”, che prevede tra l'altro un credito d'imposta al sud per l'assunzione di “soggetti svantaggiati”, categoria nella quale in determinate condizioni rientrano le donne.

 

Deduzioni Irap (art. 2 dl 201/2011, conv. l. 214/2011)

 

  • Deduzione da Irpef e Ires di un importo pari all’Irap dovuta sulla quota imponibile relativa alle spese per il personale dipendente in tutta Italia (comma 1)

  • Deduzione Irap di 10.600 euro per donne e giovani under 35 anni rispetto alla deduzione normale di 4.600 euro in tutta Italia (comma 2)

  • Deduzione Irap di 15.200 euro per donne e giovani under 35 anni al SUD rispetto alla deduzione normale di 9.200 euro (comma 2)

  • La platea di lavoratrici e lavoratori interessati dagli sgravi Irap per donne e giovani, secondo la relazione tecnica che accompagna il decreto, è di 3,9 milioni.

 

 

Credito d’imposta (decreto semplificazione, n. 16/2012

 

Introdotto con dl 70/2011, è pari al 50% del costo salariale per ogni nuovo assunto a tempo indeterminato nelle imprese del Mezzogiorno (le 8 regioni), sostenuto:

  • nei 12 mesi successivi all’assunzione se il lavoratore è “svantaggiato”

  • nei 24 mesi successivi all’assunzione se il lavoratore è “molto svantaggiato”

 

- sono lavoratori “svantaggiati”: disoccupati da almeno 6 mesi, donne in settori ad alto tasso di disparità, privi di diplomi, over 50 anni, soli con persone a carico, membri di minoranze

- sono lavoratori “molto svantaggiati”: disoccupati da almeno 24 mesi

- la nuova norma (dl semplificazioni) estende i limiti temporali della misura, compatibilmente con la sua finanziabilità con le risorse del Fondo sociale europeo e Fondo Europeo di Sviluppo Regionale.

 

 

Commenta