Articolocrisi economica - diritti - lavoro - pari opportunità

Serve un pink new deal
per uscire dalla crisi

Foto: Unsplash/ Jessica Podraza

Il commento

Articoli correlati

In Sardegna amministratrici, attiviste e consigliere di parità hanno dato vita a un laboratorio di confronto e azione che in poco tempo ha ottenuto risultati importanti. Luisa Marilotti, dirigente di Coordinamento 3, ricostruisce lo scenario regionale dopo le ultime elezioni

Aumento crescente delle assunzioni a termine e una concorrenza al ribasso che ha visto sempre più giovani occupare posti dequalificati rispetto al livello di istruzione raggiunto. Come ha funzionato la ripresa nel mercato degli ultimi dieci anni

L'aumento dell'occupazione femminile è andato di pari passo con quello dei part time involontari e con un settore terziario in espansione. Com'è cambiato il mercato del lavoro negli ultimi dieci anni nei numeri di due rapporti appena pubblicati da Istat e Cnel

Negli ultimi tre anni le regioni in Italia hanno attivato più di 60 bandi per la conciliazione tra tempi di vita e di lavoro, impegnando circa 260 milioni di euro del Fondo Sociale Europeo. Vediamo a quali progetti sono stati destinati questi fondi e cosa resta ancora da fare

In questo momento così particolare per l'Europa è necessario concentrarsi sull'individuazione di strumenti utili per raggiungere una reale parità di genere nella vita pubblica. Che fare? Agire solo sul mercato del lavoro e sulle sue regole? Attuare forme di tassazione specifiche? O mettere in discussione l'intera divisione del lavoro di cura a casa e fuori? Che doveri hanno i governi centrali e locali, cosa devono fare le imprese e i sindacati?
 

Dalle risposte potrebbe emergere un nuovo modello di politica economicail cosiddetto "pink new deal", per richiamare l'uscita rooseveltiana dalla più grande recessione della storia, quella del 1929. Introdurre una prospettiva di genere nelle misure di ripresa potrebbe aiutarci a uscire, presto o tardi, dalla crisi attuale. In breve:

I governi e i parlamenti nazionali dovrebbero riconoscere pienamente la portata delle politiche fiscali per accrescere la partecipazione della forza lavoro femminile:

  • Sostituire la tassazione del reddito familiare con la tassazione dei redditi individuali.
  • Utilizzare crediti d'imposta o benefici per i lavoratori a basso reddito per stimolare la partecipazione della forza lavoro, anche tra le donne.

Il Parlamento europeo dovrebbe sollecitare tutti i soggetti istituzionali a rimuovere le distorsioni nel mercato del lavoro e a creare le condizioni per l'attuazione di misure che contribuiscano a intensificare la domanda di lavoro femminile:

  • Aumentare la consapevolezza del diritto alla parità di trattamento.
  • Responsabilizzare gli organismi nazionali per la parità. 

La Commissione europea dovrebbe riconsiderare la formulazione di indicatori di parità di genere per monitorare l'impatto sociale della crisi:

  • Collaborare con l'Istituto europeo per la parità di genere (EIGE) per migliorare la quantità e la qualità dei dati disaggregati per genere.
  • Monitorare (con l'EIGE) l'area 'donne ed economia' della piattaforma d'azione di Pechino.
  • Includere i risultati nei rapporti annuali.

Leggi l'analisi completa in inglese