Newscorpi, femminismi, salute, sessualità

Aborti sicuri per un pieno diritto alla salute

Foto: Unsplash/ freestocks.org

La salute sessuale e riproduttiva è un diritto umano fondamentale, lo ricordano le attiviste del Women's Global Network for Reproductive Rights, che rilanciano per il 28 settembre la giornata internazionale per l'accesso a un aborto legale e sicuro. È stata la stessa Organizzazione mondiale della sanità a riconoscere che più le leggi sono restrittive più aumentano gli aborti clandestini e quindi i rischi di salute per le donne. Eppure lo stato della legislazione sull'interruzione volontaria di gravidanza nel mondo non è ancora così evoluto, lo conferma l'ultima mappa curata dal Centre for reproductive rights e non si tratta di una questione che riguarda solo i paesi del Sud del mondo.

Proprio in questo periodo, lo scorso anno, partiva la protesta delle donne polacche, due anni prima le donne avevano riempito le strade in Spagna contro leggi troppo restrittive, e abbiamo visto cosa succede in Irlanda.

E in Italia? Gli ultimi dati del Ministero della Salute parlano di un calo delle interruzioni volontarie di gravidanza che dagli anni Ottanta ha raggiunto il suo massimo nel 2015, in particolare tra il secondo e terzo trimestre, proprio in corrispondenza delle nuove disposizioni che hanno eliminato per le maggiorenni l’obbligo della presentazione della ricetta per l’Ulipristal acetato (ellaOne), contraccettivo d'emergenza anche noto come pillola dei 5 giorni dopo. "I dati delle vendite mostrano un incremento significativo nel 2015 rispetto agli anni precedenti: 7.796 confezioni nel 2012, 11.915 nel 2013, 16.796 nel 2014 e 83.346 nel 2015" riporta il Ministero.

Ma con un'obiezione di coscienza alle stelle nei nostri ospedali e una ancora cattiva applicazione di una legge di per sé valida, la strada da fare sembra ancora impervia. Per questo la rete Non una di meno ha accolto l'appello internazionale e il 28 settembre le donne scenderanno nelle piazze italiane.

Qui la mappa degli appuntamenti su tutto il territorio nazionale