Newscorpi, diritti, salute, sessualità

L'Argentina si prepara a un aborto legale

Foto: lavaca -MU

Dopo 22 ore di discussione, la Camera dei deputati del parlamento argentino ha approvato il progetto per depenalizzare l'interruzione volontaria di gravidanza, con 129 voti a favore e 125 contrari. Un risultato che restituisce bene in termini numerici l'immagine di un paese spaccato in due sul diritto alla salute sessuale e riproduttiva delle donne.

Adesso la proposta di legge passa al Senato, e intanto nelle strade migliaia e migliaia di persone hanno celebrato quella che si annuncia come un'avanzata storica per i diritti delle donne, in un paese che ad oggi punisce l'interruzione di gravidanza con il carcere, e la consente solo in caso di stupro o in cui la madre è in pericolo di vita.

Un'avanzata che se ci sarà, come è avvenuto di recente anche in Irlanda - tra i paesi con una legislazione più restrittiva in materia di aborto -, sarà stata raggiunta soprattutto con la fatica e l'impegno da parte del movimento femminista che da anni si batte per una società che sostenga davvero i diritti delle persone.