Newsazioni positive, buone pratiche, femminismi, stereotipi, violenza

Guida pratica per lasciarsi il maschilismo alle spalle

 

“Machismo in riabilitazione” è un progetto dell’Istituto nazionale delle donne e il Fondo dei popoli delle Nazioni Unite. Il progetto consiste in una campagna di informazione molto originale per riconoscere e, si spera, abbandonare il maschilismo. In particolare c’è una divertentissima guida, con una grafica accattivante, che, con ironia, mette a nudo i luoghi comuni e gli atteggiamenti diffusi, accettati come normali, che continuano a svalutare e subordinare le donne.

Si inizia con 10 consigli per combattere il maschilismo nei diversi ambiti della nostra vita: nella sfera domestica e sessuale, in strada, a lavoro, alle feste, nello sport, nel cura dei figli e più in generale nel vocabolario di uso corrente. Tutti i consigli colgono nel segno mettendo il luce modi di dire e di comportarsi intrinsecamente sessisti. La decostruzione delle abitudini sessiste restituisce alle donne la possibilità di agire liberamente di scegliere la propria vita.

Ma nella guida non si parla di modelli costrittivi solo per le donne, c’è anche una parte dedicata ai “veri Maschi” che racconta il prototipo/stereotipo dell’uomo forte, virile, autoritario, inflessibile, competitivo, possessivo, abile nel sesso. Questo paradigma è quello con cui tutti gli uomini sono cresciuti, attraverso le favole dei vari supereroi, principi azzurri e don giovanni. Seguono quindi i consigli per gli uomini per valorizzare se stessi fuori dai canoni di una virilità codificata.

La guida contiene un divertente test on line, che vi consigliamo assolutamente di fare. Attraverso il test si affrontano i tre passaggi per riconoscere e decostruire il maschilismo: 1) accettazione 2) valutazione 3) reazione. In primo luogo è importante riconoscere che viviamo in una società maschilista, in cui siamo continuamente sottoposti a immagini e stereotipi - tramite i media, la famiglia, gli amici, i colleghi- che condizionano il modo in cui siamo, pensiamo, agiamo sulla base del nostro sesso. Il maschilismo non si manifesta solo attraverso la violenza fisica sulle donne, ma anche in semplici gesti, parole, atteggiamenti. Quindi, nonostante l’opinione corrente sia che la parità delle donne è un dato di fatto, le attitudini sessiste sono tutt’altro che scomparse e sono state spesso interiorizzate più profondamente di quanto ne siamo effettivamente consapevoli. Per esempio, che effetto vi fa una donna che guadagna più del suo compagno? un uomo che piange davanti a un film? Avete mai pensato che le donne guidano male? Che le bambole sono un gioco da bambine, e le macchine per i bambini? Che alle donne lesbiche piace giocare a calcio?

 

Divertitevi anche voi a fare il test, magari scoprirete di essere più maschilisti (o maschiliste) di quanto credete!