Newsfamiglie, violenza

Non parlateci di maschicidi

Foto: Unsplash/ Daniel Fazio

Capita sempre più spesso di leggere commenti o articoli che fanno riferimento alla violenza delle donne sugli uomini per sminuire o negare la violenza degli uomini sulle donne, tanto da parlare di "maschicidi". Tuttavia, i numeri mostrano bene perché parlare di maschicidi non ha senso, mentre lo ha parlare di femminicidi. I dati del Ministero dell'Interno relativi agli anni compresi tra il 1992 e il 2016 smentiscono alcuni tra i luoghi più comuni.

"Le donne vengono uccise dagli uomini quanto gli uomini vengono uccisi dalle donne, solo che non se ne parla": FALSO

Le donne rappresentano meno del 3,5 per cento degli autori di omicidi familiari o cosiddetti passionali, quelli alla base di un femminicidio nel 90% dei casi, significa che la quasi totalità dei delitti legati al genere avvengono per mano maschile. 

"Sempre più donne uccidono uomini": FALSO

In termini di valori assoluti, il numero di uomini uccisi da donne è calato nel tempo, passando da 30 a 26 omicidi all'anno. Stando ai numeri, il cambiamento più significativo che si è registrato dagli anni '90 ad oggi è stato il calo di omicidi tra uomini, che sono passati da 342 a 201 all'anno. Anche le donne uccise da uomini sono diminuite in termini assoluti, ma essendo stata la flessione molto minore, da 149 a 131, il peso percentuale di questo tipo di omicidi è aumentato. In termini percentuali, la media di uomini che uccidono le donne è aumentata nel tempo del 7%, passando dal 28% a oltre il 35%. Quella delle donne che uccidono gli uomini è aumentata dell'1,4%, passando dal 5,6% al 7%.

"Maschicidio è il contrario di femminicidio": FALSO

La parola femminicidio ha una definizione complessa che non ha equivalenti nel caso di donne che uccidono uomini. La casistica dei femminicidi inoltre è talmente vasta e riconoscibile da averci fornito negli anni le coordinate di un meccanismo che si ripete in modi sempre simili. Sappiamo perché i tanti uomini che uccidono le donne lo fanno, non sappiamo invece perché le poche donne che uccidono gli uomini lo fanno – potrebbe trattarsi di casi isolati, di reazioni a situazioni di violenza o di altri motivi che variano di caso in caso. Rimandiamo a questo articolo per una ricostruzione dell'etimologia del termine femminicidio.