Ricerchediseguaglianza, Europa, istruzione

Studio sulla disuguaglianza tra i sessi nell'istruzione

La Commissione europea ha presentato un nuovo studio che esamina in che modo venga affrontata nei paesi europei la diseguaglianza tra i sessi nell'ambito dell'istruzione. Ne risulta che sussistono ancora grandi differenze per quanto concerne la scelta degli studi e i risultati degli stessi. Fatte salve alcune eccezioni, tutti i paesi europei dispongono di politiche in materia di parità tra i sessi nel campo dell'istruzione o intendono dotarsene. L'obiettivo primario è superare i tradizionali ruoli e stereotipi legati al sesso. Tra gli altri obiettivi vi sono l'aumento della presenza delle donne negli organi decisionali, il superamento dei pattern relativi ai risultati educativi in funzione del sesso, e la lotta contro le molestie basate sul genere nelle scuole. Sono ben scarse le iniziative dei governi volte a informare i genitori sulle tematiche della parità tra i sessi e a coinvolgerli maggiormente nella promozione della parità di genere nel mondo dell'istruzione. Le ragazze raggiungono di solito livelli di istruzione più elevati e ottengono un punteggio maggiore negli esami di diploma rispetto ai ragazzi mentre questi ultimi hanno maggiori probabilità di lasciare prematuramente la scuola o di ripetere l'anno. Da indagini internazionali emerge che i ragazzi tendenzialmente non si profilano bene per quanto concerne la capacità di lettura, mentre le ragazze hanno di solito maggiori problemi con la matematica: queste constatazioni riguardano circa un terzo dei sistemi educativi in Europa. Il background socioeconomico rimane comunque il fattore più importante.
Molti giovani e molte giovani delle scuole professionali e di quelle dell'istruzione secondaria generale continuano a scegliere carriere che rispecchiano i tradizionali ruoli di genere.
Le donne rappresentano la maggioranza degli studenti e dei laureati in quasi tutti i paesi e sono particolarmente presenti nel mondo dell'istruzione, della sanità, nel welfare e negli ambiti umanistico e artistico. Gli uomini sono maggiormente presenti nell'ingegneria, nell'industria manifatturiera e nella costruzione.

Leggi la ricerca