News

WOMEN IN THE CITY sulla riforma del lavoro

"Non c’è questione di genere, uomini e donne, potremmo essere tutti e tutte fregati", scrive a proposito della riforma del mercato del lavoro Linda Undiemi, economista e dottore di ricerca in Diritto dell’Economia, dei Trasporti e dell’Ambiente, sul sito Women in the city. Secondo l'autrice parlare solo dei problemi dell'occupazione femminile è fuorviante, perché "i disagi che in passato caratterizzavano soprattutto il lavoro delle donne (ineguaglianza, discriminazione sul piano retributivo, ecc.) stanno drammaticamente coinvolgendo altre categorie di lavoratori, anche uomini di una certa età con un contratto di lavoro subordinato a tempo pieno e indeterminato - si legge nel testo - In sostanza, in questo periodo di grave crisi economica si sta creando un appianamento delle differenze di genere nel mondo del lavoro". Invece, continua Undiemi, per migliorare l'occupazione femminile non si può prescindere dal contesto, che è quello di una generale riduzione dei diritti di tutti.