Videolinguaggi - stereotipi

Donne forti

Sempre più spesso si usa l'espressione 'donna forte'. Ma che vuol dire?

Il London film festival ha annunciato che quest’anno sarà l’anno della donna forte. Ma cosa vuol dire quest'espressione usata così tanto e spesso in modo inappropriato? Dal Guardian il commento della regista britannica Chanya Button.

"Sono una regista e di recente mi sono accorta che un'espressione a cui tengo molto si sta trasformando a causa dell'uso eccessivo che se ne fa.questa espressione è 'donna forte'. Il London film festival ha annunciato che quest'anno sarà l'anno della donna forte. È una bella notizia, ma se usiamo i termini 'donna forte' e 'personaggio femminile forte' dobbiamo essere sicuri del loro significato. Nella mia esperienza l'espressione 'personaggio femminile forte' è usata soprattutto in due circostanze: quando nel film il personaggio femminile interpreta un ruolo solitamente riservato agli uomini, oppure quando la donna si comporta in un modo che per noi è tipicamente maschile. Spesso il solo fatto che una donna sia la protagonista principale del film basta a garantirle il titolo di donna forte. La donna in questione è anche esplicita? Una leader? Parla di qualcosa che non sia un bel vestito? Che donna forte! Quello che mi mette a disagio è che tutto questo implica forza, ma insinua anche che queste donne siano un'eccezione. Non sono donne, sono donne forti. Questo uso dell'espressione non ci aiuta a creare personaggi più sfumati che risppacchiano davvero le persone che conosciamo. Alcuni dei film più belli parlano di gente comune che vive esperienze normali. Abbiamo visto Meryl Streep impersonare Emmeline Pankhurst ed emancipare un intero genere in Suffragette, ma anche Emma Thompson che piange ascoltando Joni Mitchell nella sua camera da letto in Love Actually. Tilda Swinton in...e ora parliamo di Kevin ci incanta esprimendo il senso di colpa per aver cresciuto un assassino. Questi personaggi mostrano tipi molto diversi di forza, ognuno dei quali ha un grande valore. Sono entusiasta dell'anno della donna forte, è il segnale che le cose stanno andando per il verso giusto. Ma è ancora sorprendentemente difficile portare le vere donne sullo schermo. È difficile permettere ai personaggi femminili di sbagliare, avere un momento di debolezza, fare errori che compromettono il loro fascino. Dobbiamo lasciare che le donne del grande schermo esprimano tutto il buono, il brutto e il cattivo che hanno dentro".

Altri video

Parte il crowdfunding per la seconda edizione di inQuiete, festival di scrittrici a Roma
Videocultura - innovazione - storie
Un'indagine su donne e Islam nell'Italia della ricerca scientifica
Videodisuguaglianze - pari opportunità - scienza
Perché gli uomini sono così arrabbiati? Un video tagliente e ironico di Elisa Kreisinger
Videolinguaggi - pari opportunità - stereotipi
Se la pubblicità si scusasse con le donne. Una clip realizzata dalla regista Tiny Bullet
Videocorpi - linguaggi - stereotipi
In Belgio la campagna per l'Equal Pay Day parte da un video provocatorio sulle pensioni
Videolinguaggi - pay gap - pensioni - stereotipi

Pagine