Video

A Natale regala libertà

Le bambine e i bambini non hanno bisogno di doni stereotipati

 

Le corsie dei negozi di giocattoli sono nettamente separate: blu per lui, rosa per lei. I colori rispecchiano le attività, scrupolosamente divise, fortemente stereotipate. Eppure la realtà è diversa, e non è così difficile trovare bambine che chiedono ruspe o fucili, e bambini che vogliono le bambole. Ce lo ricorda questo simpatico video realizzato da Piano F e promosso dall'associazione Scosse all'interno di una campagna di sensibilizzazione sul tema (qui la pagina Facebook).

Il titolo del video è emblematico: "Natale senza stereotipi: una missione possibile". In effetti non è così difficile evitare le maglie strette dello stereotipo della stiratrice in erba e del costruttore in fasce. In questo articolo trovare solo qualche esempio di giocattoli pensato per evitare i luoghi comuni più triti. Luoghi comuni di cui si fa il punto in quest'altra riflessione

"I giocattoli suggeriscono a bambine e bambini ruoli, comportamenti e attitudini in base al loro genere, contribuendo a riprodurre l’impostazione sessista della nostra società. È ora di cambiare", ricorda il video.

Altri video

Donne senza figli, il docu-film di Marilisa Piga e Nicoletta Nesler debutta al festival internazionale del documentario di Milano
Videocorpi - linguaggi - maternità - stereotipi - storie
Barbara Leda Kenny, caporedattrice di inGenere, interviene all'interno della trasmissione Omnibus, su La7, a proposito del #FertilityDay
Videocorpi - demografia - famiglie - genitorialità - maternità - salute - welfare
Nel suo discorso, Michelle Obama, ha voluto sostenere in modo aperto e incondizionato la candidatura di Hillary Clinton per le presidenziali americane.
VideoAmerica - elezioni - femminismi - politica - politiche
Sheryl Sandberg spiega perché nel mondo le donne leader sono troppo poche
Videoimprese - pari opportunità - stereotipi - storie
Il 7 aprile 1926 Violet Gibson, una ragazza irlandese, spara a Benito Mussolini davanti al Campidoglio, ferendolo al naso. Morirà in manicomio, perché considerata pazza
Videostorie

Pagine