Video

Quasi la felicità

Alcune hanno viaggiato, hanno studiato, poi hanno deciso di tornare. Dieci storie di donne che lavorano al Sud, dieci esempi di resistenza e creatività

Donne come tante, che al Sud vivono e fanno progetti ma soprattutto che non hanno rinunciato, nonostante le difficoltà, a perseguire la realizzazione di una personale identità umana e professionale. Arriva dalla Puglia il documentario intitolato Quasi la felicità e realizzato dalla Cooperativa Camera a Sud nell’ambito di “No Gap: donne e lavoro in Puglia”, progetto vincitore del bando “Giovani per il sociale” del Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale 2014. Un lungometraggio disponibile in clip sul web che racconta la storia di dieci donne che lavorano e fanno progetti, creano, si inventano una professione quando non c’è oppure inseguono una passione, un sogno.  C’è Aurelia che ha voluto intraprendere la professione di artigiana come il padre, ma provando a innovarla; c’è Monia che controlla il traffico aereo e conduce da sempre una battaglia contro i pregiudizi; ci sono Serena e Arianna gemelle tatuatrici, un lavoro per lungo tempo solo maschile; Mariaserena che in piena era digitale ha aperto una piccola libreria lasciando un lavoro stabile a Bologna e Luana che fa l’imprenditrice nel campo dell’innovazione sociale con il suo ristorante di cucina narrativa; c’è Paola che a 34 anni è diventata sindaca della sua città, ma anche Luna che ha girato il mondo e che fa la truccatrice e la mamma; c’è Daniela, ostetrica, che con la sua associazione promuove il mutuo-aiuto tra le mamme e infine Carolina che è arrivata in Puglia dal Brasile e si occupa di educazione ambientale e di “agricivismo”.

"Alcune di loro hanno viaggiato, hanno studiato e acquisito competenze fuori dal nostro Paese" spiega la cooperativa Camera a Sud "e sono tornate per nostalgia, per amore o perché prese dal desiderio di riscatto per la propria terra. Molte sono madri o vorrebbero diventarlo e fanno i conti con le difficoltà della conciliazione vita-lavoro. Altre hanno fatto scelte differenti da quelle della maternità e ci hanno raccontato i loro progetti altrettanto creativi e gratificanti".

 

 

 
 

Altri video

"Ho ritrovato la libertà, una libertà totale, che non conoscevo". Al cinema dal 20 aprile
Videosessualità - stereotipi - storie
Grazie al lavoro delle “madri d’Europa” le donne possono trovare oggi nelle istituzioni europee un’arena privilegiata per la rivendicazione dei propri diritti. La puntata su Rai Storia
Videodiritti - Europa - pari opportunità
"Come sarebbe il mondo senza di noi?" Quest'anno l'8 marzo le donne di 40 paesi fanno sciopero
Video
Anche quest'anno centinaia di appuntamenti in tutta Italia per il flash mob internazionale contro la violenza sulle donne
Videolinguaggi - violenza
Il 6 febbraio a Roma la presentazione in Italia della piattaforma internazionale di formazione per sconfiggere le mutilazioni genitali femminili
Video

Pagine