Articoloconciliazione - famiglie - genitorialità - stereotipi

Diventare genitori ci
rende più tradizionalisti

Foto: Unsplash/ Christin Hume

Diventare genitori ci rende più tradizionalisti nella divisione dei ruoli all'interno delle coppie. Un'indagine sul Regno Unito spiega perché

Articoli correlati

In Svezia le femministe stanno combattendo battaglie importanti, ma welfare e diritto del lavoro sono ancora dei vicoli ciechi. Serve una lotta femminista per un'assistenza pubblica e di qualità. Il discorso che Mirjam Katzin ha tenuto per inGenere al Festival di Internazionale a Ferrara

Mentre la Spagna continua a perdere popolazione per una progressiva riduzione del numero di nascite, c'è chi sta pensando di avviare una ricerca sull'effetto dei prezzi delle case sulla natalità

Perché l'educazione alle differenze e le iniziative per la parità di genere hanno suscitato allarmismi così forti tra i genitori in Italia e in Europa? Un estratto dal libro di Rossella Ghigi Fare la differenza, recentemente edito da Il Mulino

Dal 1991 i divorzi sono più che quadriplicati: ogni 100 matrimoni ce ne sono quasi 49. Un dato che porta il segno delle trasformazioni sociali e culturali in corso, e che ha suscitato l'interesse della ricerca e del mercato

La nascita di un figlio cambia la percezione dei ruoli all'interno delle coppie e, se sì, come incide sul modo di considerare la relazione tra i sessi?

I risultati di un'analisi recente che abbiamo condotto utilizzando micro dati della Understanding Society relativi agli anni 2010-2013[1], indicano che diventare genitori rende le donne e, in misura minore, gli uomini più a sostegno di un modello tradizionalista di divisione dei ruoli all’interno della coppia. L’evidenza empirica mostra, in particolare, come sia più forte tra i neo-genitori la convinzione che il ruolo principale delle donne sia quello di prendersi cura della casa e dei figli, mentre il ruolo principale degli uomini sia di ottenere un reddito in grado di mantenere il nucleo familiare.

I meccanismi per cui questa reazione si instaura possono essere molteplici, ma quello in azione sembra essere frutto della cosiddetta "dissonanza cognitiva", una situazione psicologica che tutti noi proviamo e che porta a uno stato di sconforto, stress, o ansia. C’è dissonanza cognitiva ogniqualvolta le nostre credenze, ciò che pensiamo, sono in contrasto con i nostri comportamenti, ciò che facciamo.

Se a seguito di una nascita dobbiamo modificare in senso più tradizionalista la divisione dei ruoli all’interno della coppia, allora, alla fine ci convinciamo che un tale assetto sia giusto. 

Non è un caso se molte società occidentali – inclusa quella britannica, a cui il nostro studio si riferisce, ma anche quella italiana – sono tradizionalmente caratterizzate da istituzioni conservatrici, disegnate in modo che sia la donna a prendersi cura della famiglia e l’uomo a guadagnare.

Questo forse ci è più chiaro se guardiamo alle normative sui congedi di maternità e di paternità. Nel Regno Unito, come in Italia, i congedi per le madri sono enormemente più generosi rispetto a quelli per i padri. Spesso i padri possono contare solo su pochi giorni di congedo quando il figlio nasce. Lo stesso vale per il lavoro part-time, un importante strumento di conciliazione vita-lavoro. Il lavoro part-time è fortemente “genderizzato”: sono davvero pochi gli uomini che lavorano part-time. La richiesta di un uomo di trasformare il suo contratto full-time in uno part-time per dedicarsi alla cura della famiglia è spesso vista con sospetto o viene negata dall’azienda. Le donne, invece, spesso lavorano part-time quando hanno bambini piccoli, e convertire il contratto da full-time a part-time per conciliare gli impegni lavorativi con quelli famigliari è prassi comune. In aggiunta, le strutture pubbliche di assistenza all’infanzia sono carenti nel Regno Unito (e, neanche a dirlo, in Italia), e quelle private sono molto costose. Questo fa sì che le madri si ritirino dal mercato del lavoro (o lavorino part-time) per dedicarsi alla famiglia, un po’ perché è tradizione che siano loro a badare alla casa e ai figli, un po’ perché sono loro quelle che generalmente guadagnano meno nella coppia.

Insomma, accade che diventare genitori cambi forzatamente la divisione dei compiti nella coppia, in senso più tradizionalista. Da qui a diventare più conservatori, il passo è breve: perché la dissonanza cognitiva ci fa diventare sostenitori del nostro comportamento.

Si instaura così un circolo vizioso: assumiamo comportamenti tradizionalisti in modo per lo più condizionato dall’esterno e, invece di ribellarci, diventiamo sostenitori di ciò a cui non siamo riusciti a opporci.

Il compito di interrompere l’instaurarsi di questo circolo è allora soprattutto di chi si occupa di elaborare le politiche. Per garantire alle donne madri la possibilità di avere una vita lavorativa piena e soddisfacente, senza che siano costrette a scegliere tra famiglia o lavoro, costoro dovrebbero rivedere gli assetti istituzionali che condizionano la vita di milioni di persone. I policy maker dovrebbero promuovere i congedi di paternità, il lavoro part-time maschile e la fornitura di servizi pubblici di assistenza all’infanzia. Preoccupandosi, allo stesso tempo, di rinforzare le misure per estirpare gli stereotipi di genere, dannosi e ancora troppo diffusi nelle nostre società. 

Note

[1] Grinza E., Devicienti F., Rossi M., Vannoni D. (2017), How Entry into Parenthood Shapes Gender Role Attitudes: New Evidence from Longitudinal UK Data, IZA Discussion Papers no. 11088.