Articoloschede

Occupati, disoccupati, inattivi

Forze di lavoro e non forze di lavoro, e loro componenti, secondo le definizioni statistiche internazionali

Articoli correlati

Come funzionano i fondi del Next Generation, il programma dell’Unione europea per il rilancio e la risposta alla crisi pandemica approvato a luglio, e cosa sta facendo l'Italia. La scheda

Cambiamenti climatici e disuguaglianze di genere sono aspetti fortemente interconnessi. In una scheda ripercorriamo le tappe principali che hanno visto le donne entrare a far parte del processo decisionale internazionale sul clima nel corso degli ultimi vent'anni

Cosa prevede Next generation EU, il recovery fund predisposto dalla Commissione europea per sostenere i paesi più colpiti dalla crisi. La scheda

Per decenni la violenza domestica è stata raccontata come una questione privata. Oggi sappiamo che non è così, che non si tratta di crisi di coppia o di casi isolati. Una breve rassegna di studi

Secondo la definizione standardizzata dall’International Labour Oganization (ILO), adottata da tutti gli istituti statistici di tutti i paesi del mondo, è considerato occupato chi ha più di 15 anni e ha svolto almeno un’ora in un’attività che preveda un corrispettivo monetario o in natura, oppure ha svolto almeno un’ora di lavoro non retribuito nella ditta di un familiare. I dipendenti assenti (ad esempio per ferie o malattia) sono considerati occupati se l’assenza non supera tre mesi oppure se durante l’assenza continuano a percepire almeno il 50% della retribuzione.

Per essere considerati disoccupati (in cerca di occupazione) occorre soddisfare contemporaneamente due condizioni: aver effettuato almeno una azione attiva di ricerca di lavoro nelle quattro settimane precedenti ed essere disponibili a lavorare (o ad avviare un’attività autonoma) entro le due settimane successive. E’ considerato disoccupato anche chi inizierà un lavoro entro tre mesi ed è disponibile a lavorare entro le due settimane successive, qualora fosse possibile anticipare l’inizio del lavoro. Occupati e disoccupati costituiscono le forze di lavoro.

Gli inattivi comprendono le persone che non fanno parte delle forze di lavoro e cioè non lavorano e non sono in cerca di un’occupazione (disoccupati).

Le forze di lavoro potenziali (definizione introdotta dall'Eurostat, 2011), sono costituite dagli inattivi disponibili a lavorare, ma che non cercano attivamente un’occupazione e dagli inattivi che cercano un’occupazione, ma che non sono disponibili a lavorare immediatamente.