Articologenerazioni - istruzione

Saper leggere e far di conto.
Il gap che si è chiuso

Sarta alle prese con la lista delle consegne

I dati sulle competenze degli adulti hanno diffuso sconforto per le notizie negative: i ritardi degli adulti italiani nella lettura e nella matematica. Ma c'è un fatto positivo: le donne hanno recuperato tutto lo svantaggio, e anzi sono in sorpasso. Merito delle nuove generazioni, e di una capacità maggiore di tenere aperta la mente. Anche da disoccupate

Articoli correlati

Crescita ferma e aumento costante delle disuguaglianze: è questo lo scenario che fa da sfondo all'arrivo dei soldi del Recovery Fund. I fondi disponibili sono paragonabili al Marshall Plan dopo la seconda guerra mondiale. Ma perché sia una vera opportunità servono progettualità, visione e un nuovo paradigma economico. Le nostre proposte.

In Italia i legami familiari passano soprattutto per madri e figlie. Un'analisi a partire dai dati sulla soddisfazione dei genitori anziani mostra come il nostro modello culturale e di welfare faccia ancora affidamento sulle donne per la cura delle relazioni

Torniamo a parlare dei prestiti ipotecari vitalizi, che in Italia, un paese di proprietari di case con pensioni bassissime, potrebbero aiutare più di un milione di over60. Ce ne parla Claudio Pacella, esperto di finanza, che da anni si occupa di diffondere questo strumento

L'Agenzia europea per i diritti fondamentali fornisce un quadro dei passi avanti e delle sfide che gli stati Ue devono ancora affrontare per evitare che un' intera generazione di giovani resti senza alcuna prospettiva reale d'inclusione

Riguarda le donne la sola buona notizia che ci viene dall’indagine Piaac sulle competenze degli adulti. Quando i dati saranno in linea, se ne potranno esplorare tutti i versanti, a partire dai rapporti tra le competenze chiave, le generic skills utilizzate in contesto lavorativo, e lo status occupazionale (un campo importante per entrambi i generi ma di più per quello femminile). Ma dal primo report Isfol emerge già un quadro indiscutibilmente positivo. Per il resto, invece, solo conferme di quanto reso noto fin dagli ultimi anni 90 dalle indagini Ials-Sial (1994-1998) e All (2008). L’Italia è e resta in fondo alla graduatoria per le competenze linguistiche e matematiche, quelle essenziali “per vivere e lavorare”. Se infatti si dà un qualche miglioramento, non è mai tale da accorciare significativamente le distanze dai paesi che corrono di più. Meglio saperle queste cose, per non guardare ai risultati Piaac come ad una gelata imprevista. E per non accodarsi alle diffuse banalizzazioni secondo cui tutto il male, nella scuola italiana, verrebbe dai tagli Tremonti-Gelmini. I nostri guai vengono da lontano, e d’altra parte le responsabilità, quando in ballo ci sono gli adulti, non sono solo del nostro antiquato sistema scolastico. Perché le competenze che a scuola bene o male si acquisiscono – osserva Isfol - poi nel corso della vita si conservano o si smarriscono, si arricchiscono o si impoveriscono secondo il contesto sociale e familiare, la qualità professionale dei lavori che si fanno (o non si fanno), la disponibilità o meno di formazione continua e permanente, il tempo per sé e per il proprio sviluppo culturale, e altri fattori tra cui il valore che le comunità di riferimento attribuiscono alla conoscenza. “La mente è come un paracadute – diceva Einstein – funziona solo se si apre”. Se è stimolata ad aprirsi dal lavoro, dalle relazioni, dagli stili di vita. Chi è più sfavorito da questo punto di vista, gli uomini o le donne?

Il balzo in avanti delle donne

Piaac ci dice che il divario “storico” tra uomini e donne “si è assottigliato fino ad annullarsi”. Se ai tempi di Ials le competenze linguistiche maschili superavano di 11,2 punti quelle femminili, oggi le donne marcano qualche decimo di punto in più. Più lenta invece la rimonta per le competenze matematiche, il vantaggio degli uomini che in All era di 11,6 punti non è ancora sceso sotto i 10,7. Ma tra i più giovani (16-25 e 26-35 anni), il vantaggio femminile nelle competenze linguistiche è arrivato a 10 punti, e in matematica c’è ormai la parità. Su tutto ciò incide quello che Isfol chiama “fattore di coorte”, cioè l’uscita dal campione (16-64 anni) dei nati negli anni 1932 -1945 e 1938-1945, le generazioni – comprese nelle indagini precedenti – largamente escluse sia dall’obbligo scolastico di otto anni sia dal successivo sviluppo della scolarizzazione superiore. Generazioni in cui le ragazze erano escluse dalla scuola ben più dei coetanei maschi. Va detto, per completezza di ragionamento, che è a questa uscita di scena dei più anziani che si devono anche i modesti miglioramenti sottolineati dai più ottimisti: la riduzione del gap di competenze tra generazioni più giovani e più mature e il calo della quota di popolazione al limite dall’analfabetismo, che passa dal 14% di Ials al 5,6% (è invece da osservare che i nati 1985-95, entrati ex novo nel campione, non hanno competenze migliori delle generazioni più giovani di Ials e All: e questa è davvero una pessima notizia). Ma il “fattore coorte“ non spiega tutto il balzo in avanti delle donne.

La verità è che, a partire dagli anni 80, le ragazze non solo cominciano a completare la scuola dell’obbligo e a iscriversi ai percorsi ulteriori come i coetanei maschi, ma anche a resistere di più all’insuccesso scolastico, ad avere risultati migliori, a conseguire più facilmente il diploma (e poi a iscriversi di più all’istruzione terziaria). Con una tendenza molto netta a preferire i percorsi lunghi, che dilazionano il momento difficile della transizione al lavoro. Un fenomeno non solo italiano, collegato alle trasformazioni della condizione femminile di cui è insieme effetto e causa, e connotato da un trend costante tuttora in corso, come registrano le rilevazioni del Miur. Le ragazze sono più brave a scuola perché, sapendo di avere più problemi ad entrare nel mercato del lavoro, sono più interessate al vantaggio di un titolo di studio più alto? O la scuola – il tempo per lo studio – è “la stanza tutta per sé” in cui sfuggire al ruolo tradizionale e progettare una vita autonoma? Discussioni antiche rese più problematiche dal persistere, pur nell’accesso sempre più penetrante delle giovani donne nelle cittadelle un tempo negate dei saperi alti, di scelte formative sempre più orientate all’”umanistico” che allo scientifico-tecnologico. Una specificità figlia di stereotipi di genere o segno di irriducibile “differenza” ? E inoltre, con quale impatto sul rapporto tra donne e lavoro?

Disoccupate ma competenti

Comunque sia, di quei processi iniziati decenni fa, si vedono ormai gli effetti sulle competenze delle donne adulte. Ma ci sono altri aspetti su cui Piaac dice cose interessanti. Confrontando le competenze delle donne disoccupate con quelle degli uomini disoccupati emerge che le prime hanno punteggi più elevati rispetto ai secondi, sia in campo linguistico (250 versus 234) che matematico (243 versus 227). Le disoccupate, inoltre, hanno punteggi allineati a quelli dell’intera popolazione femminile, mentre i disoccupati presentano una caduta di 16 punti rispetto ai livelli medi della popolazione maschile. Non basta. Le occupate hanno punteggi più alti (+5) nelle competenze linguistiche rispetto ai maschi occupati. Si vede anche da qui, conclude Isfol, la maggiore “severità” dei processi selettivi del mercato del lavoro nei confronti delle donne. E, specularmente, la forte sottoutilizzazione nel lavoro dell’intelligenza e della conoscenza femminile.

E’ uno dei campi, quello del rapporto tra competenze e lavoro delle donne, che richiede ulteriori approfondimenti. Anche per esplorare se le migliori competenze delle disoccupate rispetto ai disoccupati si spieghino per intero con la maggiore esclusione delle donne dal mondo del lavoro, o se incidano anche fattori di altro tipo. Per esempio, un’influenza positiva, capace di controbilanciare gli effetti negativi del non-lavoro per il mercato, della complessità dei compiti dell’organizzazione domestica e del lavoro di cura, del rapporto diretto con l’esperienza scolastica dei figli, della maggiore attenzione delle donne alle relazioni sociali, della maggiore partecipazione al volontariato, della maggiore consuetudine con la lettura. E, viceversa, un effetto più distruttivo, per le competenze della parte della popolazione “storicamente” più identificata nel lavoro, della condizione di disoccupazione. Ambiti non del tutto nuovi di riflessione, che però negli ultimi anni sono stati forse troppo trascurati.  

Nelle figure 5 e 6, tratte dall'Isfol Research Paper sui dati Piaac, le differenze per genere ed età in competenze di lettura e calcolo; e le differenze, nelle stesse competenze, tra donne disoccupate e uomini disoccupati.