ArticoloAmerica - disuguaglianze - finanza - pandemia

Tasse più alte per
i maschi più ricchi

Foto: Unsplash/ Hermes Rivera

I primi dieci miliardari del mondo sono tutti maschi. Perché una riforma globale della tassazione sarebbe un bene per le donne e per tutti, a partire dalle scelte che faranno gli Stati Uniti

Articoli correlati

Obiettivi e capitoli di spesa di un piano di ripresa che ignora le aspettative dell'Europa sul gender mainstreaming e non fa differenza tra i destinatari delle riforme sulla base del sesso "più di quanto sia necessario". Kata Kevehazi dall'Ungheria

Per partecipare ad appalti e bandi di gara, i progetti che vorranno accedere ai fondi stanziati dal piano nazionale di ripresa dovranno dimostrare di contare su un 30 per cento di giovani e donne. Non è una scelta, ma una condizione. Vediamo cosa significa

Da poco più di un mese l'Italia ha una Strategia nazionale per la parità di genere da mettere in atto tra il 2021 e il 2026, eppure nessuno ne parla. Tra obiettivi di ripresa e raccomandazioni europee, Paola Villa rintraccia la genesi di un documento che richiede la giusta attenzione

Entro il 2026 i paesi dell'Unione europea dovranno realizzare una serie di interventi avvalendosi dei fondi che l'Europa ha stanziato per uscire dalla crisi. Tra gli obiettivi, anche la parità di genere. Due esperte ci spiegano come l'Italia vorrebbe colmare il gap

Negli Stati Uniti, è stata la vicepresidente Kamala Harris a lanciare l'allarme alla fine di febbraio, sottolineando che 2,5 milioni di donne sono state costrette a uscire dal mercato del lavoro dall'inizio della pandemia. “La nostra economia non può riprendersi senza la piena partecipazione delle donne, questa è un'emergenza nazionale”, ha martellato, chiedendo un piano nazionale per affrontare la situazione.

Mentre i progressi della vaccinazione negli Stati Uniti offrono la speranza di una rapida ripresa economica, le cicatrici rimarranno profonde. Le donne rappresentano il 43% della forza lavoro negli Stati Uniti, ma sono state colpite dal 56% delle perdite di posti di lavoro associate alla pandemia. Una ragione di questa sproporzione è la loro sovra rappresentazione nei servizi umani e nei settori informali duramente colpiti. E quelle più colpite sono le donne senza istruzione superiore e quelle di colore.

Gli Stati Uniti sono solo un esempio. In tutto il mondo, la perdita di posti di lavoro a causa della pandemia ha colpito soprattutto le donne. In Brasile, per esempio, il tasso di partecipazione delle donne al mercato del lavoro è crollato del 14% in un anno. L'impatto sul reddito è ovvio, ma le conseguenze si faranno sentire a lunghissimo termine, poiché questi mesi senza lavoro significano un calo dei loro diritti pensionistici – quando esistono – una situazione che è tanto più ironica se si considera che le donne vivono più a lungo degli uomini.

Anche per coloro che sono riuscite a mantenere un lavoro, la situazione è peggiorata. Per alcune, l'isolamento sociale ha ridotto l'opportunità di sfuggire alla violenza domestica. E la maggior parte, ha dovuto dedicare ancora più ore al lavoro domestico non retribuito. Si tratta delle donne maggiormente responsabili della salute delle loro famiglie e che si destreggiano tra i nuovi protocolli di sicurezza e di igiene. Si prendono cura dei malati e degli anziani, che sono più vulnerabili che mai. E stanno diventando insegnanti a domicilio per le centinaia di milioni di bambini che sono stati privati dell'istruzione dallo scoppio del virus.

Le conseguenze dell'ineguale distribuzione del lavoro domestico e di cura non retribuito tra uomini e donne sono già note. Le donne e le ragazze hanno meno tempo da dedicare all'istruzione e alla formazione continua. Trovano anche più difficile entrare e progredire nel mercato del lavoro retribuito, con conseguenti salari più bassi, ma anche meno protezione sociale e pensioni.

Le prospettive per la prossima generazione non sono affatto più rassicuranti. Più di 1,7 miliardi di bambini sono stati colpiti dalla chiusura delle scuole. Mentre i ritardi nell'apprendimento riguardano tutti, per molte ragazze è un'uscita permanente dal sistema. Alcuni lavorano nei campi o come domestici, e Save the Children stima che entro il 2030 ci saranno 13 milioni di spose bambine in più rispetto a quelli che ci sarebbero stati senza Covid.

È  il segno distintivo della pandemia in corso: le sue conseguenze colpiscono in modo sproporzionato i più vulnerabili, approfondendo le disuguaglianze di genere, classe e razza. Questa situazione non è né accettabile né inevitabile.

In tutto il mondo, c'è stata una crescente consapevolezza del ruolo cruciale dei servizi pubblici come i servizi sanitari universali, l'assistenza agli anziani e ai bambini, l'istruzione, ma anche l'accesso all'acqua e ai servizi igienici. Missioni che sono in gran parte svolte da donne, spesso in condizioni di lavoro deplorevoli. Sono le prime a pagare il prezzo di decenni di tagli di bilancio e di privatizzazione dei servizi essenziali. È quindi anche in nome dell'uguaglianza di genere che i governi devono prendere misure immediate e a lungo termine per investire in servizi pubblici, protezione sociale e infrastrutture.

Tutte queste misure necessarie hanno un costo, e si tratta fondamentalmente di rispondere a una semplice domanda: chi pagherà? All'Icrict, commissione impegnata a riformare il sistema fiscale internazionale in modo giusto ed equo, rispondiamo inequivocabilmente che è ora di far pagare i più ricchi.

Tanto più che sono diventati ancora più ricchi quest'ultimo anno, nonostante la pandemia, come ha mostrato un recente rapporto di Oxfam. I primi dieci miliardari del mondo – tutti uomini, non a caso – hanno visto la loro ricchezza aumentare di mezzo trilione di dollari da marzo 2020. Questo sarebbe più che sufficiente per impedire a chiunque sul pianeta di cadere in povertà a causa del virus, e per finanziare un vaccino per tutti.

Questa pandemia deve quindi segnare una svolta nella tassazione dei più ricchi. È anche un'opportunità per affrontare realmente l'elusione fiscale delle imprese e porre fine alla concorrenza fiscale tra i paesi.

E abbiamo una soluzione a portata di mano, che sarebbe l'adozione di un'aliquota effettiva minima dell'imposta sulle società del 25% in tutto il mondo. Qualsiasi società multinazionale che metta i suoi profitti in un paradiso fiscale sarebbe quindi tassata nel suo paese d'origine fino a questa aliquota minima, quindi non avrebbe più alcun incentivo a farlo.

Utopica solo poche settimane fa, questa misura è ora disponibile, con l'amministrazione Biden che dice di voler "cercare di porre fine a quella che è stata una distruttiva corsa globale verso il basso in termini di imposte sui profitti delle aziende aziendali", per citare la segretaria al Tesoro Janet Yellen durante la sua audizione di conferma.

L'impegno degli Stati Uniti renderebbe possibile una riforma globale per far pagare alle multinazionali e ai più ricchi la loro giusta quota di tasse. È essenziale che questi negoziati si svolgano nel modo più trasparente ed egualitario possibile, idealmente all'interno dell'ONU, l'unico forum legittimo per queste discussioni. Oggi più che mai, tassare i più ricchi aprirebbe la strada a società che fanno della cura dei più vulnerabili e della solidarietà una priorità. E questa crisi ha dimostrato ancora una volta che questo non sarà possibile senza mettere i diritti delle donne al centro dei nostri valori.

Leggi anche

Come sta cambiando l'America

Shecession, la recessione che colpisce le donne

Pandemia, il prezzo più alto lo pagano le donne di colore

Perché siamo così stanche