Alessandra Pescarolo

Ha svolto una prima fase di formazione e di ricerca storica presso la Fondazione Lelio e Lisli Basso di Roma. Ha poi studiato a Londra, con una Fellowship della British Academy, seguita, presso il Birkbeck College, da Eric Hobsbawm. Iniziato il suo lavoro di ricercatrice presso l’Istituto Regionale per la Programmazione Economica della Toscana, ha affiancato alla ricerca storica nuovi interessi per la sociologia del lavoro e della famiglia e per le diseguaglianze sociali, di genere, di generazione. Ha diretto l’area “Società” dell'Istituto. Socia fondatrice e attiva, dal 1989, nella Società italiana delle storiche, ha partecipato alla redazione della rivista Genesis. Il suo ultimo libro è Il lavoro delle donne nell’Italia contemporanea (Viella, 2019).

Articoli pubblicati

Studiare il lavoro partendo dai margini, una riflessione a partire dai libri Precari e precarie: una storia dell’Italia repubblicanaLe ombre del fordismo di Eloisa Betti

Recensionedisuguaglianze - lavoro - precarietà

Negli anni Novanta tra i giovani prevalevano disillusione e individualismo. Ma dalla sfiducia di allora sono nate consapevolezze che, nel nuovo millennio, hanno prodotto nuove forme di impegno. Con le ragazze per la prima volta più attive dei loro coetanei

Articologenerazioni