Videocittà - linguaggi

inQuiete

Decolla il crowdfunding per il primo festival di scrittrici a Roma

Decolla il crowdfunding per il primo festival di scrittrici a Roma. Un'idea nata dalla Libreria delle donne Tuba insieme a Francesca Mancini e Maddalena Vianello, che in pochi giorni ha già superato il primo obiettivo: raccogliere cinquemila euro per finanziare gli eventi che faranno parte della rassegna che si svolgerà a Roma dal 22 al 24 settembre 2017. Un traguardo importante, anche se cinquemila euro sono poca cosa rispetto all'ambizione delle ideatrici e il crowdfunding resta aperto fino al 4 agosto sperando di raddoppiare le donazioni, spiegano le curatrici: "con più soldi il festival diventa più bello".

"Il festival inQuiete nasce per dare visibilità alle donne e alla loro scrittura" raccontano le ideatrici dell'iniziativa che è già stata selezionata da Banca Etica tra i progetti a impatto+. "La presenza femminile nella narrativa e nei festival letterari è spesso relegata in secondo piano nonostante ci siano numerose autrici affermate, le donne leggano di più, e siano donne le interpreti di molti dei romanzi più amati. Da questa constatazione nasce l’idea di un intero festival dedicato alle donne e alle scrittrici, che si svolgerà in due officine culturali che innervano il quartiere Pigneto a Roma: la Biblioteca del Comune di Roma Goffredo Mameli e la libreria delle donne Tuba. La collaborazione con le Biblioteche di Roma è di particolare importanza per il valore dei presidi culturali pubblici nel diffondere istanze innovative anche al di fuori del centro storico della città e nel disseminarle nei territori".  

Tre giorni di presentazioni, dibattiti tematici, brevi ritratti di scrittrici che hanno lasciato il segno nella letteratura contemporanea, letture, laboratori di scrittura rivolti ad adulti e laboratori di lettura per bambini e bambine. "Un festival gratuito e aperto alla partecipazione di tutti e tutte" a cui hanno già aderito importanti scrittrici italiane.

Partecipa al crowdfunding

Altri video

Spesso i robot sono disegnati in modo da rinforzare gli stereotipi di genere, eppure potrebbero aiutare a ridurli. Un video animato finanziato dal programma europeo Horizon2020 spiega perché
Videolinguaggi - stereotipi - tecnologie
Spazio pubblico, genere, disuguaglianze, mobilità, intersezioni. Ne parliamo con la geografa canadese Leslie Kern, autrice de 'La città femminista', tradotto in Italia da Treccani Libri
Videocittà - corpi - femminismi - geografie
"Se le donne hanno diritto di salire sul patibolo perché non sulla tribuna?" nel suo TEDx Marcella Corsi cita Olympe de Gouges per parlare di sorellanza e di come le donne possono muoversi insieme
Videofemminismi - stereotipi - storie
Le canzoni che ascoltiamo tutti i giorni sono quasi sempre prodotte da uomini. Un breve video indaga l'impatto di questo dato sui gap nelle carriere e sulla rappresentazione dei corpi
Videoarte - stereotipi - storie
Una ragazza musulmana nella metropolitana di una città europea. Il video firmato dalla graphic journalist e illustratrice Takoua Ben Mohamed racconta che il pregiudizio sta negli occhi di chi guarda
Video

Pagine