RicercheEuropa, finanza, imprese

Investire sulle donne, uno studio su Italia e Regno Unito

Data pubblicazione: 01/2020
Autori: Holly Lewis-Frayne, Roberta Rabellotti, Paola Subacchi

 

Lo studio si concentra sulle imprenditrici in Italia e nel Regno Unito. L’Italia e la Gran Bretagna arrancano rispetto ad altri paesi avanzati per quanto riguarda l’imprenditorialità femminile, nonostante la Gran Bretagna presenti condizioni molto più favorevoli all’imprenditoria rispetto all’Italia. In entrambi i paesi ci sono solamente cinque donne imprenditrici ogni dieci uomini, mentre negli Stati Uniti e in Canada, per esempio, ce ne sono otto ogni dieci. Rispetto alle imprese maschili, quelle femminili in entrambi i paesi sono più piccole, meno orientate alle esportazioni, maggiormente specializzate in settori a bassa produttività e con meno prospettive di crescita. Spesso, inoltre, le donne decidono di creare un’impresa per avere maggiore flessibilità tra lavoro e vita familiare e questo fatto in parte spiega le caratteristiche che contraddistinguono le imprese femminili. Ricorrendo ai dati piiù recenti sui due paesi, lo studio mostra come le quote sono utili ma non bastano, sono necessari interventi di policy per aiutare l’accesso delle donne al credito e questi interventi devono essere strutturati su tre livelli: internazionale, nazionale e quello delle buone pratiche all’interno delle banche e delle altre istituzioni finanziarie.

Leggi tutto lo studio