Articolocultura - linguaggi

A Cortona la fotografia
è delle donne

Foto: Sanne De Wilde

Le fotografe sono protagoniste nell'ottava edizione del festival internazionale di fotografia Cortona on the move, appena inaugurato e che resterà aperto al pubblico fino al 30 settembre

Articoli correlati

Il primo convegno delle Università italiane in rete per la prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e la violenza domestica ha lanciato nuove istanze per una prospettiva di respiro internazionale, che tenga in relazione l'accademia e la società e includa la filosofia e le arti

In Spagna centinaia di migliaia di donne hanno raccontato in rete violenze e molestie usando l'hashtag #Cuéntalo, diventato virale in poco tempo dopo una sentenza che derubricava uno stupro di gruppo a un reato minore. I risultati e la portata del progetto informatico che li ha monitorati

Come funziona l’industria del teatro in Italia e che ruolo occupano le donne al suo interno? Per rispondere a questa domanda abbiamo guardato ai dati più aggiornati

Circa duecento tra scrittrici, insegnanti, giornaliste, studiose, lettrici appassionate: sono le donne, assai diverse per età e formazione, che hanno reso la Società italiana delle letterate "una festosa casa delle differenze". Ne parliamo con Alessandra Pigliaru

Donne che raccontano il mondo. L’ottava edizione del festival internazionale di fotografia di Cortona, Cortona on the move, è invasa dallo sguardo femminile. La direttrice artistica Arianna Rinaldo spiega perché ha voluto focalizzare questa edizione sulle fotografe donne: "Raccontiamo le storie del mondo in cui viviamo, e lo facciamo con il lavoro di artisti che usano il linguaggio di oggi". E oggi "i diritti delle donne, o la loro mancanza, sono in prima linea nelle discussioni a livello politico e sociale. Le donne si fanno sentire in vari settori: salari più equilibrati, presa di coscienza dei casi di abusi, giustizia e diritti umani".

Foto: Elinor Carucci

Dunque, fotografe che sono autrici e protagoniste principali delle storie. Come nel conturbante lavoro di Elinor Carucci, Getting closer, becoming mother: about intimacy and family, un’opera lunga anni, sulla sua stessa maternità messa sotto l’obiettivo e raccontata "il più onestamente possibile", per usare le parole dell’autrice, nella sua complessità. E in quello di tanya Habjouqa sulle donne siriane rifugiate in Giordania.

Ma, prosegue Rinaldo, "essere artista donna non significa solo raccontare le donne": ed ecco allora lo straordinario reportage della documentarista statunitense Debi Cornwall da Guantanamo Bay, il centro di detenzione americano a Cuba; e il viaggio visionario di Sanne De Wilde nell’isola degli 'acromati', una comunità portatrice di un raro gene che vede il mondo in bianco e nero.

Moltissimi altri sono gli spunti e ricchissime le storie da leggere girando per Cortona, nei luoghi del festival. Che ha appena celebrato la sua inaugurazione, e resterà aperto fino al 30 settembre.

Per maggiori informazioni

Foto: Sanne De Wilde, Elinor Carucci, Debi Cornwall