Articoloempowerment - femminismi - pandemia

Leader femministe
nella pandemia

Nelle scorse settimane enti e università di tutto il mondo hanno fatto circolare linee guida e consigli pratici rivolti a leader e amministratori, per aiutarli a sostenere le organizzazioni nell'emergenza. Leila Billing, esperta di genere inglese, si è immaginata un vademecum per una leadership femminista

Articoli correlati

Sopravvivere su un pianeta infetto è il sottotitolo dell'edizione italiana di Staying with the trouble, della biologa e filosofa della scienza californiana Donna Haraway, ma è anche una sfida di fronte a cui ci troviamo da anni, e oggi in modi ancora diversi e inaspettati

La pandemia ha frenato l'economia ma non ha fermato la violenza sulle donne, un fenomeno che purtroppo da anni i dati indicano avvenire soprattutto nelle case e all'interno delle relazioni familiari e affettive. Cosa è cambiato con i lockdown, un commento ai dati del 2020

Kamala Harris, Ruth Bader Ginsburg e le altre. Quello che le donne al potere negli Stati Uniti hanno da dirci. L'analisi di una costituzionalista

Nei prossimi giorni Parlamento europeo e Consiglio dell’Unione europea firmeranno il bilancio europeo per il 2021, un passaggio importante e connesso a quello sui fondi per la ripresa, anche e soprattutto in termini di politiche legate al genere. Vediamo cosa significa

Sto leggendo molti consigli rivolti a leader, su come possano sostenere le loro organizzazioni per affrontare il Covid19. Ecco alcune delle indicazioni più in voga che ho letto su blog, siti web e social media: lo stoicismo è la chiave; migliora la gestione delle riunioni virtuali; sii coraggioso; sii positivo; ricorda che “dalla crisi derivano opportunità”. Non nego che ognuna di queste indicazioni abbia i suoi pregi, ma mi domando se, in linea generale, sia davvero il tipo di leadership di cui abbiamo bisogno in momenti come questo. Cosa succederebbe se leader di tutti i tipi, in diversi settori, iniziassero a seguire l'approccio della leadership femminista, così come è stato promosso dalle attiviste di tutto il mondo per decenni? Come potrebbe questo tipo di leadership aiutarci e farci strada nell'incertezza?

Fai un'analisi intersezionale

Secondo la leadership femminista, siamo al sicuro (o abbiamo potere) soltanto se lo è (o quando lo ha) la più vulnerabile tra noi. Un’analisi intersezionale ci aiuta a capire come il virus colpisce sproporzionatamente specifici gruppi di persone, che, a causa delle loro identità intersecate, si trovano a fronteggiare oneri unici. Ora più che mai, dobbiamo incentrare il nostro lavoro sulla necessità di equità, empowerment, inclusione e giustizia per tutte. Le leader femministe devono considerare come poter fare un passo avanti nel loro lavoro sulle comunità di immigrate e rifugiate, sulle persone in carcere e senzatetto. Se abbiamo una piattaforma, dobbiamo usarla. Se abbiamo credibilità e legittimazione, dobbiamo condividerle. Se abbiamo accesso al potere, possiamo aprire porte per gli altri. Dobbiamo essere attente, comunque, di non star facendo ciò in un modo che sposti il riconoscimento e l’attenzione lontano dalle comunità colpite, che non dovrebbero soltanto essere ascoltate, ma al centro della conduzione di questo lavoro. Ho di recente ascoltato qualche attivista disabile lamentarsi del fatto che la propria competenza gli fosse stata strappata nella risposta al Covid19. Nel provare a mostrare solidarietà, le leader femministe dovrebbero essere consapevoli di tutto il lavoro che è stato fatto prima che arrivassero sulla scena, e mettere da parte qualsiasi desiderio di riconoscimento sociale.

Rendi visibile l’invisibile

Fondamentalmente, molta della leadership femminista riguarda il rendere visibili le relazioni di potere e le dinamiche non democratiche, non trasparenti e asimmetriche, per poi provare a trasformarle o disinnescarle. Questo significa avere uno sguardo chiaro sui sistemi economici, sociali e politici che producono e riproducono le disuguaglianze a cui il virus sta prestando soccorso. Le leader femministe hanno bisogno di far luce sulle strutture oppressive che hanno creato una situazione in cui la copertura sanitaria di base per la sopravvivenza è un sogno irraggiungibile per circa il 50% della popolazione mondiale; in cui la gig economy si è tradotta in una mancanza di accesso alla malattia per così tante persone; e in cui la presenza di una pandemia significa un sostanziale aumento dei rischi di violenza domestica, violenza sul posto di lavoro nel settore sanitario e abuso di collaboratrici domestiche vulnerabili. Iniziare a essere più coraggiose nel mettere al centro questo tipo di analisi nel nostro attivismo e lavoro di sostegno è molto importante, come lo è esplorare vie più creative con cui possiamo dire la verità. Nessuno sta dicendo che si tratta di un lavoro semplice, ma c’è qualcosa nel tempo che viviamo che sottolinea soltanto ciò che è a rischio. La scrittrice e poetessa femminista nera Audre Lorde ha scritto potentemente di come la relazione con la sua stessa voce si è evoluta quando si è ammalata di cancro:

“Nel divenire forzatamente e profondamente conscia della mia mortalità, e di ciò che desideravo essere e volevo per la mia vita…ciò che rimpiangevo di più erano i miei silenzi. Di cosa ho mai avuto paura? Stavo morendo — se non prima allora poi, che mi fossi o non mi fossi mai espressa. I miei silenzi non mi hanno protetta. Il tuo silenzio non ti proteggerà. Io sono me stessa — una donna nera poetessa guerriera che fa il proprio lavoro — io sono venuta a chiederti, tu stai facendo il tuo?”

Criticare ferocemente i nostri sistemi economici, politici e sociali globali sarà paralizzante e distruggerà la speranza, a meno che non seguiamo anche il prossimo principio.

Immagina e celebra le alternative

Come leader, dobbiamo lavorare collettivamente con gli altri per proporre visioni di un futuro più giusto, equo e inclusivo. I nostri team, colleghi e compagni attivisti hanno bisogno di questo più che mai. E c’è così tanto a cui attingere — dalle comunità che organizzano piani di mutuo aiuto, alle app di condivisione del cibo, fino alle persone che resistono agli sfratti forzati e gli Stati in America che decidono che non manderanno più in prigione persone per reati minori. Se ti piace fare un po’ di ideazione creativa con il tuo team, il We:Rise toolkit di Just Associates propone qualche risorsa brillante. E per quelle che non sono ancora psicologicamente in grado di pensare ad alternative positive, o per quelle che sentono che una prospettiva “giorno per giorno” potrebbe essere una trappola rendendo l’orizzonte un lusso, considerate passi più piccoli. Le relazioni di potere istituzionalizzate presenti nella società sono anche incorporate nelle nostre interazioni quotidiane — il che ci offre opportunità di cambiamento senza limiti. Pensiamo a come possiamo creare alcune alternative nelle nostre pratiche quotidiane all’interno delle organizzazioni. Creiamo queste alternative nel modo in cui organizziamo, in cui ci connettiamo con gli altri, in come conduciamo le riunioni, in chi scegliamo di includere nel processo decisionale…le possibilità per fare le cose in modo diverso sono infinite. Le alternative possono anche contemplare una nuova inquadratura. Beautiful Trouble ci racconta di come si può ripensare l’idea di “distanziamento sociale” come a una “spaziosa solidarietà” — che ci connette anziché frammentarci. Le parole che diciamo diventano la casa in cui viviamo (Hafez).

Crea culture di cura reciproca

Molte di noi saranno consumate dal lavoro al momento — alcune di noi staranno anche giostrandosi tra pesanti responsabilità genitoriali e il tentativo di prendersi cura da remoto dei nostri genitori o di altri gruppi vulnerabili. In questo processo, rischiamo di perdere di vista le parti di noi stesse che ci permettono di perseverare, mantenere lo slancio, portare creatività al nostro lavoro ed essere generative. Prenderci cura dei nostri corpi, delle nostre menti e del nostro spirito, quindi, è un lavoro politico. Le leader femministe possono promuovere la cura reciproca — dando priorità alla comprensione; prendendosi più tempo per verificare lo stato di benessere di team e colleghi; e non avendo paura di mostrare agli altri la propria vulnerabilità. Questo potrebbe far parte della pratica quotidiana — portare in superficie le idee delle persone, le paure e le aspirazioni ci fa sentire tutti più capaci di funzionare appieno.

C’è un certo grado di idealismo in ciò che ho scritto sopra, ne sono consapevole. Ma l’idealismo è ingenuo soltanto quando manca di immaginazione, piani d’azione o dedizione. Cose che molte di noi hanno in abbondanza.

Traduzione dall'inglese di Paola Legrenzi