Articoloambiente - azioni positive - buone pratiche - innovazione

Quarto Social Lab:
il cambiamento inizia dal basso

Parte la campagna di finanziamento dal basso lanciata da Fondazione Brodolini e Banca Etica per la rigenerazione urbana di Quarto Oggiaro, quartiere di Milano legato a un passato di territorio difficile. C'è tempo fino al 30 giugno per partecipare

Articoli correlati

Quante sono le donne nell'informatica, cosa dicono i dati e cosa resta fuori dalle statistiche? Un estratto in anteprima dal libro La rivincita delle nerd di Mariacristina Sciannamblo in uscita per Mimesis Edizioni

Attivismo digitale per il gender mainstreaming nelle professioni: il progetto Architette, raccontato dalla sua ideatrice, Francesca Perani

Pensare la tecnologia significa pensare il mondo, ecco perché è importante che a farlo non siano solo i maschi. Ne abbiamo parlato con Marinella Levi, ricercatrice e docente di ingegneria e design dei materiali al Politecnico di Milano

Che effetto avrà la rivoluzione digitale sulla partecipazione delle donne al mercato del lavoro? I dati Ocse forniscono un ritratto del futuro che ci aspetta

Quarto Oggiaro è un quartiere di Milano che è stato a lungo chiamato “la Scampia del nord”, uno dei tanti territori italiani “difficili”, che però negli ultimi vent’anni ha intrapreso un processo positivo di trasformazione.

Da tre anni la Fondazione Giacomo Brodolini, insieme a Impact Hub Milano, gestisce nel quartiere l’incubatore di innovazione sociale del Comune di Milano FabriQ, un’esperienza unica nel suo genere in Italia. In questi anni sono stati tanti i progetti avviati in collaborazione con gli altri soggetti che operano sul territorio. Progetti che partono dai bisogni di chi questo territorio lo abita: mobilità, disoccupazione giovanile, abbandono scolastico, solo per citarne alcuni.

È in questa prospettiva che nasce l’idea di realizzare Quarto Social Lab, un esperimento sociale per contribuire alla rigenerazione urbana in atto, puntando sulla formazione, sullo scambio intergenerazionale e sul capitale umano. Il progetto è di realizzare tre laboratori di formazione dal taglio pratico e della durata di tre mesi ciascuno:

  • "Il mestiere dell'imprenditore sociale", per 80 giovani a rischio abbandono scolastico;
  • "Co-design per il terzo settore", indirizzato a 50 manager di organizzazioni del terzo settore che lavorano sul territorio;
  • "Gruppo di acquisto solidale intergenerazionale", rivolto a 30 anziani e 30 giovani di Quarto Oggiaro per il trasferimento di conoscenze legate all'agricoltura biologica e a KM0.

Il Social Lab metterà in campo una strategia di comunicazione rivolta a ragazze e ragazzi e userà criteri di selezione che incoraggino una partecipazione il più possibile paritaria[1].

Quarto Social Lab, ha bisogno del sostegno di tutti per esistere: la Fondazione Brodolini ha lanciato una campagna di crowdfunding sul portale Produzioni dal Basso in collaborazione con Banca Etica. È possibile contribuire in pochi click e avere in cambio gadget, servizi forniti da FabriQ o formazione: uno scambio conveniente, e il bello di contribuire a costruire un futuro migliore per Quarto Oggiaro. 

Il Social Lab si avvale del supporto di FabriQ che metterà a disposizione i suoi spazi, trasformandosi per l’occasione in una piattaforma per la promozione e realizzazione di progetti in ambito sociale, ambientale e di rigenerazione territoriale. In altre parole, un luogo aperto a iniziative che valorizzino la cittadinanza attiva, l’associazionismo e la tutela dei beni comuni.

La campagna di finanziamento dal basso ha come obiettivo la raccolta di 15.000 euro da investire nel quartiere. Il senso del progetto, racchiuso nel video sotto, è quello della "catena del valore": investire per coltivare il valore del singolo e restituire valore alla comunità.

Partecipa con una donazione e scopri quali ricompense ti aspettano, c’è tempo fino al 30 giugno!

NOTE

[1] Nella selezione dei candidati e dei progetti imprenditoriali si terrà conto di favorire una bilanciata partecipazione di genere, non coinvolgendo più del 70% di persone dello stesso genere.