Articolofamiglie - lavoro - maternità - paternità - politiche

Se occupazione e natalità
crescono insieme

Foto: Flickr/ DAVID HOLT

Il commento

Articoli correlati

Nei casi di violenza domestica, la separazione rappresenta un momento di particolare rischio per le donne e per i figli. I dati spiegano perché e cosa manca ancora da parte delle istituzioni 

Di recente la Cassazione ha deciso di svincolare l'assegno di divorzio dal tenore di vita della famiglia. Che succede nei casi di violenza domestica

La globalizzazione, le disuguaglianze e i cambiamenti climatici sono le tre grandi questioni del nostro tempo e Susan George, scienziata sociale del Transnational Institute di Amsterdam, non ha dubbi: hanno un impatto specifico sulle donne. L'abbiamo intervistata

L'uguaglianza di genere è un percorso in salita secondo l'ultimo rapporto diffuso dall'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse). L'Italia migliora per presenza di donne nei consigli d'amministrazione e per numero di laureate in materie scientifiche, ma è ancora tra i paesi con meno occupate

Del rapporto annuale appena diffuso dall’Inps si è parlato molto negli ultimi giorni per il buco di circa 37 miliardi che chiudere le frontiere ai migranti comporterebbe. Gli stranieri regolarmente occupati sono una voce importante delle entrate erariali, e questo si sapeva, ma la cifra fa riflettere. 

Una novità, invece, il rapporto la contiene, e riguarda le donne.

Il volume dedica infatti per la prima volta un intero capitolo al nesso tra occupazione femminile e natalità, finalmente centrando due punti chiave che riguardano la situazione in Italia e che su inGenere andiamo ribadendo da tempo. Il primo è la cosiddetta correlazione inversa tra occupazione e natalità di cui alcune di noi hanno iniziato a parlare ormai più di vent’anni fa, per prime in Europa e non solo, e cioè che nei paesi in cui il tasso di occupazione è più elevato c’è anche una natalità più alta, e viceversa. L’Italia, purtroppo sta nel viceversa, ma il messaggio è sempre quello, occorre intervenire su ciò che aiuta riconciliare vita e lavoro. Il secondo punto è che non si deve guardare al gap salariale fra uomini e donne – quello di cui invece si parla più spesso – bensì al gap di reddito, quello che per l’Italia è al 38 per cento e che è molto simile al gap pensionistico. In Italia, cioè, la vera disparità con gli uomini è quanto la donna "porta a casa" in media con il suo lavoro, e non quanto guadagna per ora lavorata. È una tesi che inGenere va difendendo da qualche anno.  

Dunque, sì, non neghiamo la soddisfazione che proviamo nel constatare che, magari tardi, magari per canali indiretti, i problemi a cui alcune di noi hanno dedicato una vita di ricerca sono emersi come nodi centrali nel dibattito.

I dubbi rispetto al rapporto sono invece tutti sul modo in cui si leggono gli effetti di due misure di conciliazione - il cosiddetto “bonus infanzia” e il “bonus padri” - entrate in vigore negli ultimi anni per incoraggiare natalità, occupazione femminile e condivisione dei carichi di cura.

Partiamo dal bonus infanzia. Questa misura, introdotta dalla legge di stabilità del 2014 e rivolta alle nuove mamme e agli asili, prevede una somma che può arrivare fino a 600 euro mensili per sei mesi spendibili in voucher per le baby sitter o per coprire le rette dell’asilo, a seconda di chi ne fa richiesta. Le richieste di accesso al bonus sono state abbastanza numerose da esaurire la somma messa a disposizione dal governo, e questa è già una buona notizia.

Quello che si vede dal rapporto è che la domanda individuale ha prevalso sulle domande da parte degli asili e a richiedere il bonus sono state soprattutto le donne residenti al Sud che ci hanno pagato in voucher le baby-sitter. Un dato interessante, questo, che sembra dirci che la misura ha centrato l’obiettivo, considerando che al Sud l’occupazione delle donne è molto più bassa e che ci sono molti meno asili.  

Cerchiamo di capire quali sono stati gli effetti sull’occupazione e sul reddito delle madri occupate. Dal rapporto si evince che il bonus ha frenato l’uscita delle nuovi madri dall’occupazione. A partire dalla fine dei sei mesi di maternità obbligatoria, per chi non ha usufruito del bonus il tasso di abbandono dell’occupazione cresce in maniera sostanziosa e continua a crescere  fino a superare il 20-25% a dodici mesi, mentre per quelle che hanno usufruito del bonus il tasso cresce ma si tiene sotto il 10% anche oltre i 12 mesi (figura 2).  L’effetto frenante sul tasso d’uscita dal mercato del lavoro sembrerebbe dunque assai significativo.

Se però guardiamo ai beneficiari del bonus, vediamo che a usufruirne sono state soprattutto le donne scolarizzate, impiegate (quindi con occupazioni più stabili), e con redditi più alti. Le stesse che probabilmente l’intenzione di lasciare il lavoro non l’avevano comunque, bonus o non bonus. L’effetto sarebbe allora molto meno di quello che appare, trattandosi di una “selezione favorevole”. Se il provvedimento fosse stato pienamente efficace avrebbe dovuto mirare a tenere nel mercato le occupate più povere, e che invece dopo la maternità ne sono uscite.  

Stiamo comunque parlando di una misura che è poco più di un esperimento. Il rapporto non fornisce il numero dei beneficiari, ma a spanne, si tratta di una quota attorno al 5% delle nuove mamme ogni anno in media nazionale. 

Se dunque si rischia di sopravvalutare l’effetto del bonus infanzia sull’occupazione, diverso è il discorso per  il bonus padri, il cui impatto esce quasi sminuito dal rapporto. La misura, entrata in funzione nel 2013, prevede che i padri che prendono almeno tre mesi di congedo parentale (facoltativo) abbiano diritto al bonus di un mese in più.

Certo, i padri che chiedono il congedo facoltativo sono sempre troppo pochi – circa diecimila nel 2015-  scolarizzati e prevalentemente occupati nel settore pubblico, ma in tre anni il  loro numero è praticamente raddoppiato (figura3). E non è cosa da poco. Si tratta di un segnale incoraggiante e che ci fa ben sperare, anche rispetto a quelli che potranno essere gli effetti della nuova direttiva europea, ben più generosa in tema di congedi di paternità.

Il vero ostacolo rimane il settore privato non ancora disposto a rinunciare ai padri come risorse su cui poter contare sempre e comunque.