Rubricaconsigliati da noi

Consigliati da noi. Invisible women

 

Cellulari progettati per mani di uomo, automobili pensate in base alle dimensioni dei corpi maschili – per cui i guidatori producono più incidenti ma sono le guidatrici ad avere il 50 per cento di probabilità in più di restare gravemente ferite, farmaci testati su maschi che si rivelano inadeguati per le donne. In un mondo in cui chi disegna software è in ampia maggioranza maschio, la formula “taglia unica” dovrebbe essere sostituita con “taglia unica per gli uomini”.

Alla base della discriminazione sistematica della metà della popolazione, sostiene Caroline Criado Perez in questo libro, c'è un gap di genere nei dati. Un gap di conoscenza che ha contribuito a creare pregiudizi pervasivi e invisibili che hanno effetti profondi sulle vite delle donne. Nel libro la nota campainer e scrittrice tiene insieme per la prima volta un'impressionante serie di esempi, storie e nuove ricerche da tutto il mondo che illustrano i meccanismi nascosti attraverso cui le donne vengono puntualmente dimenticate nella progettazione del mondo, e come questo si ripercuota sulla loro salute e sul loro benessere. Dalle politiche di governo alla ricerca medica, passando per le tecnologie, i luoghi di lavoro, la pianificazione urbana e i media, il libro rivela come il perpetrarsi di pregiudizi nel reperimento e nella comunicazione dei dati alimenti le disuguaglianze, e traccia l'orizzonte per un possibile cambiamento. 

Caroline Criado Perez, Invisible women.Exposing Data Bias in a World Designed for Men, 2019