Articoloempowerment - pioniere - stereotipi - storie

Le architette che hanno
vinto il Pritzker Prize

Foto: pritzkerprize.com

Nel 2020 il Pritzker Prize, il più importante premio internazionale per l’architettura, è andato alle irlandesi Yvonne Farrell e Shelley McNamara. Il segno che qualcosa nella professione sta cambiando, ne parliamo con la storica Liz Walder

Articoli correlati

È di questi giorni la notizia di due nuove importanti nomine per l'accademia. Tiziana Lippiello, entrata in carica alla Ca'Foscari di Venezia, e Antonella Polimeni, all'Università Sapienza di Roma, entrambe come rettrici. Un'occasione per ripensare l'università a partire dalle ambizioni delle donne

Donne e potere, un binomio possibile solo se iniziamo a liberarci dagli stereotipi e dai modelli di leadership maschilisti. Il commento

Dai graffiti ai meme, passando per le performance di strada. Come l'arte femminista dal basso ha cambiato il destino delle donne nella Polonia degli ultimi anni. Un'indagine della studiosa e femminista polacca Agnieszka  Graff

Le registe sono sempre di più. L'importante, secondo Cristina Berlini, è scrollarsi di dosso lo stereotipo delle "tematiche femminili" e sentirsi libere di parlare di tutto. L'abbiamo intervistata a pochi giorni dalla seconda edizione del festival DocuDonna, che dirige

L’architettura è stata da sempre un ambito professionale molto maschilista e, come in molte altre professioni, le architette si sono trovate e si trovano a dover lavorare molto di più dei colleghi per ottenere un riconoscimento professionale, complici molti pregiudizi che vorrebbero limitarle per lo più a un ruolo di supporto nella messa a punto di progetti importanti.

Eppure, le cose stanno lentamente cambiando e riconoscimenti sempre più prestigiosi vedono oggi le donne conquistare ruoli di primo piano. Ne è un esempio il Pritzker Prize, il più importante premio internazionale nell’ambito dell’architettura, che nel 2020 è andato alle architette irlandesi di stanza a Dublino Yvonne Farrell e Shelley McNamara, titolari dello studio Grafton Architects fondato nel 1978, "per la loro integrità nell’approccio così come per il modo in cui conducono la loro pratica architettonica, per il loro credo nella collaborazione, per la loro generosità verso i colleghi, soprattutto come dimostrato in eventi come la Biennale di Venezia del 2018, per il loro incessante impegno verso l’eccellenza in architettura, il loro atteggiamento responsabile nei confronti dell’ambiente, la loro capacità di essere cosmopolite e di abbracciare l’unicità di ogni luogo in cui lavorano". Di ciò che questo riconoscimento significa anche come antidoto contro i pregiudizi di genere abbiamo parlato con la storica dell’architettura Liz Walder, attualmente Visiting Lecturer presso la Swansea School of Architecture del Wales Institute of Science and Art, University of Wales Trinity, Saint David. La sua ricerca interessa anche la storia e l'assegnazione di premi internazionali di architettura.

Professoressa Walder, cosa significa l’assegnazione di un importante riconoscimento come il Pritzker Prize a due donne?

Certamente è stata una vittoria significativa per le architette di tutto il mondo: fino a oggi, infatti, il Premio Pritzker, che era stato vinto in passato da partnership e collaborazioni, in particolare da Rafael Aranda, Carme Pigem e Ramon Vilalta di RCR Arquitectes nel 2017, Kazuyo Sejima e Ryue Nishizawa, soci dello studio di architettura SANAA nel 2010 e Jacques Herzog e Pierre de Meuron nel 2001, non era mai stato assegnato a uno studio di architettura gestito esclusivamente da donne. Ricordiamo anche che Grafton Architects ha vinto la Royal Gold Medal del Royal Institute of British Architects appena un mese prima del Premio Pritzker

Cosa distingue il percorso architettonico di Yvonne Farrell and Shelley McNamara?

Lo studio di Yvonne Farrell e Shelley McNamara, Grafton Architetcts, nato come cooperativa nel 1978, non prende il nome dalle architette ma dalla strada in cui aprirono il loro ufficio. Le due architette studiarono insieme alla UCD nei primi anni '70 (nella foto di apertura, ndr) ed entrambe sono sempre attente a enfatizzare la natura collaborativa del loro lavoro. Farrell e McNamara non si adattano al solito modello di archistar, e i loro edifici sembrano anche di un'altra epoca. Sono interessate a peso, massa e giochi di luce su grandi volumi di cemento e pietra. Scolpiscono spazi da grandi lastre minerali e contrafforti impennati, ritagliandone i volumi in un modo che ricordino gli eroici edifici brutalisti dell'era postbellica. Le loro strutture a volte hanno una qualità arcaica e primitiva. In un mondo di telai leggeri e sistemi di rivestimento clip-on, la loro è un'architettura solida costruita per durare. In un'intervista con Olly Wainwright del Guardian, McNamara ha dichiarato: "Ci piace creare spazi che non potresti progettare consapevolmente". E ancora: "Piuttosto che pensare a uno spazio e quindi trovare una struttura per esso, facciamo una struttura che, a sua volta, crea uno spazio”.  

Sta cambiando qualcosa nel mestiere dell’architetto? Oggi c’è più spazio per l’affermazione delle donne?

Il mondo e il campo dell'architettura sembra siano pronti per questo mutamento. I tempi sono maturi perché più donne architetto vengano riconosciute dai loro coetanei e vincano i premi più prestigiosi. La dichiarazione di Amanda Levete, quando ha accettato il Jane Drew Prize 2018 a Londra, è particolarmente rilevante per le donne architetto nel 21 ° secolo: "Non c'è mai stato un momento migliore per essere una donna in questa professione. Dobbiamo cogliere questa opportunità”. 

Perché fino a oggi sono sopravvissuti così tanti pregiudizi di genere nel mondo dell’architettura?

La disuguaglianza di genere persiste principalmente nei campi scientifici e tradizionalmente il campo dell'architettura è stato per lo più bianco, maschile e borghese. Daniel Davis in The Architect (2014) dichiara che la chiave per affermarsi in architettura è quella del designer, e poiché lo sviluppo del design è principalmente tecnico e realizzato da uomini, l'architettura e l'ingegneria sono rimaste come professioni dominate dagli uomini. "Molti dei cambiamenti più significativi dell'architettura" dice "provengono dal mondo della tecnologia architettonica dominato dagli uomini".

Ci può fare qualche esempio di donne architetto che hanno dovuto lavorare molto duramente per affermarsi nella loro professione?

Al momento, ci sono tante architette talentuose. Se inserisci "architetto donna" come termine di ricerca online su Google, vengono fuori circa 700 nomi, di cui poco meno di un terzo sono decedute. Si pensa che circa il 20% degli architetti qualificati negli Stati Uniti e anche nel Regno Unito siano donne. È interessante notare come nel 2009, il National Architectural Accrediting Board degli Stati Uniti abbia riferito che il 41% dei laureati in architettura fossero donne, mentre il Rapporto del Comitato Associato Nazionale AIA del 2004 indica la percentuale di architetti donne autorizzate pari al 20%. Alcuni nomi di donne architetto nella storia: Louise Blanchard Bethune (1856–1913) di Waterloo, New York, fu la prima donna americana nota a lavorare come architetto professionista. La prima donna a essere ammessa al Royal Institute of British Architects (RIBA) della Gran Bretagna fu Ethel Charles (1871-1962) nel 1898; quella che vinse per prima la medaglia d'oro AIA fu Julia Morgan (1872-1957), che peraltro fu anche la prima a ricevere una laurea in architettura presso l'École des Beaux-Arts. Era morta da cinquantasette anni quando il premio fu annunciato nel 2014; la prima donna a dirigere uno studio di architettura in Germania fu Emilie Winkelmann (1875-1951). Studiò architettura al College of Technology di Hannover (1902–1908) ma le fu rifiutato un diploma in quanto le donne non avevano diritto alla qualifica fino al 1909; l'architetto rumeno Virginia Andreescu Haret (1894–1962), fu la prima donna a laurearsi in architettura nel 1919; Maria Rosaria Piomelli, nata in Italia nel 1937, divenne la prima donna a tenere una cattedra di scuola di architettura negli Stati Uniti nel 1980, come decano del City College della New York School of Architecture.

Nell’ambito della formazione accademica, cosa è stato fatto per diminuire la disparità di genere nel campo dell’architettura?

Personalmente, come storica dell'architettura, negli ultimi cinque anni ho evidenziato il divario di genere nella professione in alcune conferenze internazionali. Queste iniziative hanno contribuito a suscitare maggiore consapevolezza da parte di architette in tutto il mondo rispetto al tema. Ho collaborato con Francesca Pirani in Italia e Caroline James e Lori Brown negli Stati Uniti, per celebrare le conquiste femminili attraverso vari strumenti e pubblicazioni.

Leggi anche

Le ragazze di Bauhaus

Architette contro il gender gap

Vittoria Calzolari e il disegno delle città