Articolopari opportunità

Che genere di sindaci,
dopo il voto

Articoli correlati

SPECIALE EUROPA. Il governo di Viktor Orbán, in Ungheria, ha deciso di eliminare gli studi di genere dalle università. Anikó Gregor, responsabile di uno di questi corsi all'Università Eötvös Loránd di Budapest, fornisce una chiave di lettura per comprendere cosa sta succedendo nel paese

"Cinque giorni per i padri sono soldi buttati". Secondo Maria Fermanelli, pioniera del gluten free in Italia e presidente di Cna impresa donna, per colmare il gender gap serve una volontà politica forte che promuova la condivisione reale della genitorialità

Quante sono e che profilo hanno le donne che amministrano paesi e città in Italia, i dati del nuovo rapporto dell'Associazione nazionale dei comuni italiani

Le dirigenti italiane sognano politiche più inclusive. Non basta la carriera, ci vogliono le giuste misure per permettere alle madri di continuare a fare le manager e alle manager di essere madri

Molte le novità politiche che sono emerse dal voto del 15 e 16 maggio 2011 per le elezioni amministrative in Italia. Molto è cambiato, molto cambierà. Com'è andata invece dal punto di vista della presenza femminile nelle istituzioni? I dati in nostro possesso per ora ci consentono di guardare solo alle poltrone dei sindaci (mentre quelli sui consigli comunali e sulle giunte arriveranno in seguito), e solo in relazione ai comuni dove non si va ai ballottaggi.

Tra i 1.184 sindaci eletti ci sono 118 donne, con una percentuale quindi di circa il 10%. Nel totale dei comuni in cui si è votato, come si vede nella precedente scheda di inGenere.it, la percentuale di donne sindaco uscenti era l'8,8%. Un miglioramento lievissimo, dunque. Quasi impercettibile. In uno dei grandi comuni in ballottaggio - il più importante, il cuore di questa competizione politica: Milano - uno dei candidati, Giuliano Pisapia, si è impegnato a presentare uan giunta a composizioone paritaria (50 per cento donne, 50% uomini).

Se il vento è cambiato, quando cambiamo il vento?

I dati (fonte Viminale) sono elaborati da Openparlamento