Videocorpi - salute - sessualità - violenza

Prestazioni in sala parto

Troppo spesso l'esperienza del parto negli ospedali è ridotta a una "prestazione" che non contempla la libertà di scelta. Un cortometraggio lo spiega in modo efficace

In Italia il numero di cesarei è ancora alto e la medicalizzazione è particolarmente accentuata in sala parto. L'Organizzazione mondiale della sanità raccomanda la libera scelta di posizione ma in ospedali e cliniche spesso viene imposta quella sul lettino, è in questa posizione che il 70% delle donne subisce il taglio della vagina. Durante l'intero travaglio le donne vengono imbracate con flebo e dispositivi di monitoraggio che ingombrano il movimento e non è permesso bere o mangiare, senza che ci siano ragioni mediche. Inoltre, nonostante durante il parto l'organismo - se non disturbato o sottoposto a pressioni - produca autonomamente ossitocina, lo stesso ormone prodotto dai corpi durante un rapporto sessuale, a più del 50% delle donne viene somministrata ossitocina sintetica per accellerare il travaglio. Purtroppo la maggior parte delle pratiche utilizzate in sala parto avviene senza informare le donne e senza chiederne il consenso.

Cosa succederebbe se una coppia si trovasse ad avere un rapporto nelle stesse condizioni in cui una donna affronta il travaglio? A rispondere è questo efficace cortometraggio realizzato da Freedom for Birth, un gruppo d'azione che da anni lavora affinché l'esperienza del parto sia una esperienza libera. Il video, al momento sottotitolato in inglese e in romeno, sta circolando in tutto il mondo e ha ricevuto un premio al Docscient Festival 2014.

Il cortometraggio è stato proiettato già all'interno di eventi, convegni, corsi di formazione per ostetriche e medici, durante incontri di accompagnamento alla nascita, e anche all'Istituto Superiore di Sanità, in occasione della giornata contro la violenza sulle donne. "Stiamo lavorando per avere la possibilità di sottotitolarlo anche in altre lingue (con i dati dei paesi di riferimento) per aiutare le donne di altri paesi a difendere il loro diritto di scelta nel parto. Nei prossimi giorni saranno pubblicate le versioni con i sottotitoli in brasiliano e francese, altri due paesi nei quali la nascita è 'ammalata': il Brasile per il suo primato di nascite chirurgiche e la Francia per l'incredibile tasso di parti operativi".  (cb)

Altri video

L'indagine di Amnesty International dedicata alle elezioni europee 2019, teatro di un dibattito infarcito d'odio che parla il linguaggio della politica e attacca rom, donne e migranti
Video
Il film di Aidos girato in Kenya vince il primo premio al Festival panafricano del cinema e della televisione
Video
Un altro mondo del lavoro è possibile? Prova a immaginarlo la Disney/Pixar in un cortometraggio diretto da Kristen Lester e prodotto da Gillian Libbert-Duncan
Videoinclusione - lavoro - stereotipi - storie
Si può misurare il benessere? Gli ultimi dati raccolti dall'Istat nel rapporto Bes
Videoazioni positive - conciliazione - salute
L'Asvis fa il punto sulla parità di genere in Italia, il quinto tra gli obiettivi sostenibili delle Nazioni Unite da raggiungere entro il 2030
Videodisuguaglianze - pari opportunità - politiche

Pagine