Videocorpi - salute - sessualità - violenza

Prestazioni in sala parto

Troppo spesso l'esperienza del parto negli ospedali è ridotta a una "prestazione" che non contempla la libertà di scelta. Un cortometraggio lo spiega in modo efficace

In Italia il numero di cesarei è ancora alto e la medicalizzazione è particolarmente accentuata in sala parto. L'Organizzazione mondiale della sanità raccomanda la libera scelta di posizione ma in ospedali e cliniche spesso viene imposta quella sul lettino, è in questa posizione che il 70% delle donne subisce il taglio della vagina. Durante l'intero travaglio le donne vengono imbracate con flebo e dispositivi di monitoraggio che ingombrano il movimento e non è permesso bere o mangiare, senza che ci siano ragioni mediche. Inoltre, nonostante durante il parto l'organismo - se non disturbato o sottoposto a pressioni - produca autonomamente ossitocina, lo stesso ormone prodotto dai corpi durante un rapporto sessuale, a più del 50% delle donne viene somministrata ossitocina sintetica per accellerare il travaglio. Purtroppo la maggior parte delle pratiche utilizzate in sala parto avviene senza informare le donne e senza chiederne il consenso.

Cosa succederebbe se una coppia si trovasse ad avere un rapporto nelle stesse condizioni in cui una donna affronta il travaglio? A rispondere è questo efficace cortometraggio realizzato da Freedom for Birth, un gruppo d'azione che da anni lavora affinché l'esperienza del parto sia una esperienza libera. Il video, al momento sottotitolato in inglese e in romeno, sta circolando in tutto il mondo e ha ricevuto un premio al Docscient Festival 2014.

Il cortometraggio è stato proiettato già all'interno di eventi, convegni, corsi di formazione per ostetriche e medici, durante incontri di accompagnamento alla nascita, e anche all'Istituto Superiore di Sanità, in occasione della giornata contro la violenza sulle donne. "Stiamo lavorando per avere la possibilità di sottotitolarlo anche in altre lingue (con i dati dei paesi di riferimento) per aiutare le donne di altri paesi a difendere il loro diritto di scelta nel parto. Nei prossimi giorni saranno pubblicate le versioni con i sottotitoli in brasiliano e francese, altri due paesi nei quali la nascita è 'ammalata': il Brasile per il suo primato di nascite chirurgiche e la Francia per l'incredibile tasso di parti operativi".  (cb)

Altri video

Grazie al lavoro delle “madri d’Europa” le donne possono trovare oggi nelle istituzioni europee un’arena privilegiata per la rivendicazione dei propri diritti. La puntata su Rai Storia
Videodiritti - Europa - pari opportunità
"Come sarebbe il mondo senza di noi?" Quest'anno l'8 marzo le donne di 40 paesi fanno sciopero
Video
Anche quest'anno centinaia di appuntamenti in tutta Italia per il flash mob internazionale contro la violenza sulle donne
Videolinguaggi - violenza
Il 6 febbraio a Roma la presentazione in Italia della piattaforma internazionale di formazione per sconfiggere le mutilazioni genitali femminili
Video
Angela Davis interviene a Washington per la marcia delle donne che si è tenuta il 21 gennaio
Videofemminismi - politica

Pagine