ArticoloEuropa - pensioni - schede

Età pensionabile di donne e uomini

Un quadro comparativo europeo

Articoli correlati

Per la prima volta nella storia l'Europa propone due donne alla guida di Banca Centrale e Commissione europea, un risultato importante quanto necessario per chiedersi cosa cambierà davvero

Politiche di pari opportunità, parità di genere e protezione sociale sono le sfide che il nuovo Parlamento europeo avrà il compito di affrontare nei prossimi mesi. Ne parliamo con Ruth Paserman, che ha seguito da vicino l’iter del Pilastro sociale europeo

In Italia le donne che vanno a votare sono meno degli uomini, una costante che si è consolidata negli anni. Secondo un'indagine di Quorum/YouTrend, alle ultime elezioni europee più del 30 per cento di queste ha scelto la Lega di Salvini

Solitudine e depressione non rappresentano la naturale evoluzione dell'invecchiamento. Lo mostrano bene le differenze tra i paesi dove il welfare funziona meglio e quelli dove le persone sono lasciate sole, e sono soprattutto le donne a soffrire di più

Età pensionabile delle donne e degli uomini: ecco come funziona in Europa.

(Informazioni raccolte dal network EGGSI, aggiornate al novembre 2010. Sono stati considerati i 27 paesi dell’Unione Europea più tre paesi EFTA - Islanda, Liechtenstein, Norvegia - e i tre paesi in fase di accesso - Croazia, Macedonia, Turchia).

 

Paese

Età pensionabile

Osservazioni

Austria

 

 

 

Uomini: 65

Donne: 60

 

 

 

Aumento progressivo del limite d'età per le donne sino a raggiungere la stessa età pensionabile degli uomini (=65) , tra il 2024 e il 2033.

E' possibile riscuotere una pensione d'anzianità se si sono accumulati 15 anni di contributi pensionistici, con la possibilità di tenere conto dei periodi di cura ed educazione dei figli.

A seguito delle recenti riforme pensionistiche, il numero di anni di contribuzione per il calcolo delle pensioni sono aumentati da 15 nel 2004 a 40 anni di contributi nel 2024.

Belgio

 

 

Uomini: 65

Donne: 65

 

 

Nel settore privato, la riforma tesa a parificare l'età pensinabile, varata nel 1996 è stata meccanicamente attuata per fasi graduali sino al 1 gennaio 2009.

Dal 1/1/09, l'età pensinabile è di 65 anni per donne e uomini, con una carriera totale di 45 anni. Nel settore pubblico, l'età pensionabile è sempre stata la stessa per entrambi i sessi.

Bulgaria

 

 

 

Uomini: 63

Donne: 60

 

 

 

Per ottenere il massimo della pensione sono necessari sia un'età minima sia un certo numero di punti. I punti sono calcolati in funzione degli anni di contributi versati. Se un individuo non accumula il numero necessario di punti, il pensionamento è concesso a 65 anni con 15 anni di contributi per donne e uomini. Esistono particolari disposizioni per alcune categorie di lavoratori.

Cipro

 

 

 

Uomini: 65

Donne: 65

 

 

 

Secondo il regime generale della previdenza sociale, l'età pensionabile è fissata a 65 anni. Tuttavia, la pensione d'anzianità può essere versata a partire dai 63 anni, sulla base di condizioni contributive specifiche. Gli incentivi ai pensionamenti posticipati si traducono in un aumento delle prestazioni pensionistiche (in particolare un aumento dello 0,5% per ogni mese posticipato a partire dalla data in cui il beneficiario ha diritto alla pensione, sino a 68 anni come limite massimo.

Repubblica

Ceca

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Uomini: 65

Donne: (65-62)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Aumento graduale dell'età pensionabile sino a 65 anni per uomini e donne senza figli o con un figlio (per le altre donne l'età pensionabile sarà di 62-64 anni). L'età pensionabile sarà aumentata gradualmente di 2 mesi per gli uomini e di 4 mesi per le donne ogni anno fino a raggiungere i 65 anni per gli uomini e le donne senza figli o con un figlio solo, i 64 anni per le donne con due figli, i 63anni per le donne con tre figli, e i 62 anni per le donne con almeno quattro figli.

Inoltre, è stato anche prolungato il periodo contributivo necessario - da 25 a 35 anni - per aver diritto a riscuotere una pensione d'anzianità,. Il tasso di tale prolungamento è di un anno per ogni anno di vigenza della legge. Si è iniziato a estendere il periodo contributivo obbligatorio nel 2010, partendo da 26 anni. Ciò significa che l'obbiettivo, 35 anni, sarà conseguito nel 2019.

Danimarca

 

Uomini: 65

Donne: 65

L'età in cui è possibile riscuotere una pensione di Stato è stata posticipata da 65 a 67 anni con effetto dal 2024.

Estonia

 

 

 

Uomini: 63

Donne: 63

 

 

 

Si sta gradualmente aumentando l'età pensionabile, sino ad arrivare a 63 anni nel 2016 per entrambi donne e uomini. Nell'aprile del 2010, il Parlamento ha approvato un disegno di legge volto a stabilire un ulteriore aumento dell'età pensionabile, che aarà aumentata di tre mesi all'anno, sino ad arrivare a 65 anni per tutti nel 2026.

Finlandia

Uomini: 65

Donne: 65

Pensione nazionale a 65 anni, per uomini e donne.

Francia

 

 

Uomini: 60

Donne: 60

 

 

Le misure principali della riforma attuata a partire dal 2004 includono il prolungamento del periodo contributivo per avere una pensione completa da 37.5 a 40 anni per i lavoratori del pubblico impiego e un ulteriore incremento sino a 41 anni per tutti i lavoratori tra il 2009 e il 2012 e fino a 42 anni nel 2020.

Germania

Uomini: 65

Donne: 65

L'età pensionabile per donne e uomini sarà aumentata gradualmente da 65 a 67 anni a partire dal 2012.

Grecia

 

Uomini: 65

Donne: 60*

 

Lavoratori iscritti prima del 1.1.1993: uomini 65 anni, donne 60 anni. Lavoratori iscritti a partire dal 1.1.1993: uomini 65 anni, donne 65 anni. Possibilità di continuare a lavorare con il consenso del datore di lavoro.

Ungheria

Uomini: 62

Donne: 62

 

Irlanda

Uomini: 65

Donne: 65

Secondo il sistema pensionistico nazionale, l'età per poter ottenere una pensione di Stato aumenterà nel tempo dagli attuali 65 anni a 66 nel 2014, 67 nel 2021 e 68 nel 2028. L'età pensionabile minima obbligatoria per chi entra nel pubblico impiego dopo il 2004 è di 65 anni.

Italia

 

 

 

 

 

 

Uomini: 65

Donne: 60

 

 

 

 

 

 

Lavoratori iscritti prima del 1.1.1996: uomini 65 anni, donne 60 anni. Con la Legge Finanziaria per il 2010, su richiesta della Commissione europea e a seguito di una decisione della Corte di Giustizia delle Comunità Europee, l'Italia ha fatto un primo passo verso un regime pensionistico con la stessa età pensionabile per donne e uomini. Le età pensionabili sono state portate a 65 anni per le donne che lavorano nel settore pubblico a partire dal 1.1.2012. Il pensionamento è sempre possibile nel caso in cui siano stati versati 40 anni di contributi.

Lavoratori iscritti dopo il 1.1.1996: uomini 65 anni, donne 60 anni (ma il pensionamento prima dei 65 anni per chiunque é possibile solo se la pensione risultante é superiore a 1,2 volte l’assegno sociale). Il pensionamento è sempre possibile nel caso in cui siano stati versati 40 anni di contributi, o 35 anni di contributi e si ha un'età non inferiore a 61 anni (62 per i lavoratori autonomi) a partire dal 2013.

Lettonia

Uomini: 62

Donne: 60.5

Donne, 60.5 anni a partire dal 1 luglio 2005 (con un incremento graduale di 6 mesi all'anno sino a raggiungere i 62 anni).

Lituania

Uomini: 62.5

Donne: 60

 

Lussemburgo

Uomini: 65

Donne: 65

 

Malta

 

Uomini: 65

Donne: 65

 

La recente riforma delle pensioni ha avuto come conseguenza un aumento di 4 anni dell'età pensionabile degli uomini, mentre per le donne, la posticipazione del pensionamento è di 5 anni.

Paesi Bassi

 

 

 

Uomini: 65

Donne: 65

 

 

 

Il governo olandese ha recentemente deciso di aumentare l'età pensionabile ufficiale a 66 anni nel 2020 e a 67 anni nel 2025. Si tratta dell'età a cui è concessa la pensione del primo pilastro (cosiddetta AOW). Tale pensione è la stessa per tutti coloro che hanno vissuto o lavorato nei Paesi Bassi tra i 15 e i 65 anni (e quindi 66 a partire dal 2020 e 67 dal 2025 in poi).

Polonia

Uomini: 65

Donne: 60

 

Portogallo

Uomini: 65

Donne: 65

 

Romania

 

Uomini: 65

Donne: 60

 

Attualmente l'età pensionabile minima è di 63 anni e 9 mesi per gli uomini e 58 anni e 9 mesi per le donne. E' stato stabilito di portare l'età pensionabile a 65 anni per gli uomini e 60 per le donne nel 2014.

Slovenia

 

 

 

Uomini: 63

Donne: 61

 

 

 

La legge sul regime pensioni e invalidità (OG 106/1999), modificata ulteriormente in anni successivi) ha introdotto un'età pensionabile minima di 63 anni per gli uomini e 61 per le donne (dopo 20 anni di contributi); il limite di età può essere abbassato per i periodi di cura ed educazione di un figlio (a 56 anni per le donne e 58 per gli uomini). Il Ministero del Lavoro, della Famiglia e degli Affari sociali sta preparando una nuova legge sul regime pensioni e invalidità (ZPIZ-2). L'ultimo progetto stabilisce che l'età pensionabile aumenterà fino a 65 anni per uomini e donne (dopo 15 anni di contributi): per un pensionamento anticipato - a 60 anni - sono necessari 43 anni di contributi per gli uomini e 41 per le donne.

Slovacchia

Uomini: 62

Donne: 60

Fino al 2004, l'età pensionabile era di 60 anni per gli uomini, mentre era di 53-57 anni per le donne, a secondo del numero di figli. Le condizioni che danno diritto a una pensione d'anzianità (starobný dôchodok) sono attualmente 15 anni di contributi il raggiungimento dell'età pensionabile.

Spagna

Uomini: 65

Donne: 65

 

Svezia

 

 

 

 

Uomini: 67

Donne: 67

 

 

 

L'età pensionabile è flessibile, tra i 61 e i 67 anni. E' possibile continuare a lavorare previo consenso del datore di lavoro. La pensione è basata sui contributi versati durante la vita lavorativa: più lunga è quest'ultima più elevata sarà la pensione. E' anche possibile scegliere di riscuotere una pensione piena, tre quarti, mezza o un quarto di pensione. Fintanto che un lavoratore continua ad avere un reddito può accumulare prestazioni pensionistiche, a prescindere dal fatto che riscuota o meno una pensione. Se si continua a lavorare dopo aver iniziato a riscuotere la pensione, si guadagnano nuove prestazioni pensionistiche, a prescindere dall'età.

Regno Unito

 

Uomini: 65

Donne: 60

 

Età della pensione di Stato: uomini 65 anni, donne 60 anni (con un aumento graduale fino a 65 nel periodo 2010 - 2020). L'età pensionabile aumenterà in modo incrementale da 65 a 68 tra il 2024 e il 2046.

Croazia

 

Uomini : 65

Donne : 60

 

Sono necessari almeno 15 anni di contributi pensionistici. La nuova legge entrata in vigore il 1 novembre 2010 aumenta l'età pensionabile per le donne fino a 65 anni per il 2030.

Macedonia

Uomini: 64

Donne: 62

Sono necessari almeno 15 anni di esperienza lavorativa

Turchia

 

 

 

Uomini: 60

Donne: 58

 

 

 

Dopo la riforma previdenziale del 2006, l'età pensionabile minima per donne e uomini sarà aumentata gradualmente ogni anno tra il 2036 e il 2048, fino a raggiungere i 65 anni per tutti.Esiste un periodo contributivo minimo di 7.000 giorni per i lavoratori del settore privato, dopo la riforma sarà aumentato di 100 giorni all'anno. I lavoratori del settore pubblico e i lavoratori autonomi sono soggetti a un minimo di 9.000 giorni di contributi obbligatori, senza modifiche previste nella riforma.

Islanda

Uomini: 67

Donne: 67

L'età pensionabile è di 67 anni ma molti lavoratori godono di un prolungamento flessibile sino ai 70 e oltre.

Liechtenstein

Uomini: 64

Donne: 64

Alla fine degli anni '90 l'età pensionabile delle donne è stata innalzata da 60 a 64 anni ed equiparata per entrambi i sessi.

Norvegia

 

 

 

 

Uomini: 67

Donne: 67

 

 

 

 

L'età pensionabile nel regime pensionistico nazionale precedente è 67 anni, ma tale regime è stato recentemente riformato.

Le pensioni si basano sui contributi versati durante tutta la vita lavorativa. Quando la riforma sarà in vigore, i lavoratori potranno riscuotere in modo flessibile i propri fondi pensione a partire dai 62 anni, e sarà possibile combinare la pensione e il reddito da lavoro dipendente senza riduzioni delle prestazioni pensionistiche.