Articoloschede

Indicatori complementari al tasso di disoccupazione

I tre nuovi indicatori introdotti nel 2011 dall'Eurostat, che forniscono informazioni che vanno oltre la distinzione convenzionale tra occupati, disoccupati ed inattivi.

Articoli correlati

Come funzionano i fondi del Next Generation, il programma dell’Unione europea per il rilancio e la risposta alla crisi pandemica approvato a luglio, e cosa sta facendo l'Italia. La scheda

Cambiamenti climatici e disuguaglianze di genere sono aspetti fortemente interconnessi. In una scheda ripercorriamo le tappe principali che hanno visto le donne entrare a far parte del processo decisionale internazionale sul clima nel corso degli ultimi vent'anni

Cosa prevede Next generation EU, il recovery fund predisposto dalla Commissione europea per sostenere i paesi più colpiti dalla crisi. La scheda

Per decenni la violenza domestica è stata raccontata come una questione privata. Oggi sappiamo che non è così, che non si tratta di crisi di coppia o di casi isolati. Una breve rassegna di studi

Sottoccupati part time. Questo indicatore identifica le persone che, sebbene occupate, lavorano ad orario ridotto e dichiarano che desiderano lavorare un numero maggiore di ore e sono disponibili a lavorare più ore (entro le due settimane successive). Queste persone hanno in comune con i disoccupati il mancato soddisfacimento della loro offerta totale di ore di lavoro. Questo indicatore tende a catturare i lavoratori che per ragioni economiche, indipendenti dalla loro volontà, lavorano ad orario ridotto, ma vorrebbero avere un orario pieno.

Persone che cercano lavoro ma non immediatamente disponibili. Il secondo indicatori identifica persone inattive ma non completamente distaccate dal mercato del lavoro. Cercano lavoro ma non essendo immediatamente disponibili ad iniziare un nuovo lavoro non sono considerate disoccupate.

Persone disponibili a lavorare ma che non cercano lavoro. Gli inattivi disponibili a lavorare sono persone che non hanno cercato un lavoro nelle ultime quattro settimane, quindi non sono considerate disoccupate secondo la definizione ILO, ma sono subito disponibili a lavorare. Sono qui inclusi i cosiddetti lavoratori scoraggiati e le persone che non cercano attivamente per ragioni personali o familiari.