Articolodiritti - disuguaglianze - Europa - finanza - pay gap

La Brexit fa male alle donne

Foto: Flickr/ Tax Credits

Continuiamo a parlare di Brexit con un articolo firmato da tre studiose del Regno unito, Colette Fagan, Nina Teasdale e Helen Norman

Articoli correlati

Gender pay gap, un problema tutt'altro che superato. L'ultimo report dell’International Labour Office offre l’occasione per riflettere sulla situazione corrente e sui risultati più recenti del dibattito scientifico

Non basta il lavoro per scampare il rischio di povertà. Uno studio americano spiega come redditi bassi e transizioni familiari incidono sulla vita delle donne, soprattutto se non hanno la pelle bianca

La Casa delle donne di Lecce lancia una campagna di comunicazione contro gli stereotipi di genere nel mercato del lavoro. Sei poster fotografici per superare pay gap, soffitti di cristallo, molestie e ricatti

A pagare il prezzo più caro delle politiche che stanno smantellando l'accoglienza saranno le donne, ormai protagoniste dei flussi migratori, anche se spesso se ne parla come se a migrare fossero solo gli uomini

Di Brexit ne avevamo parlato proprio a ridosso del referendum di giugno, quando nel Regno Unito si avvertivano già le conseguenze reali di un'uscita dall'Unione europea. Mentre si diffondeva il "rimorso da Brexit", in un articolo Susan Senior provava a tracciare le strade possibili. "Se c'è una lezione che abbiamo imparato dalla Brexit, è una lezione storica", scriveva sulle nostre pagine qualche settimana dopo Elizabeth Pollitzer.

"Non sappiamo come hanno votato le donne al referendum, ma possiamo dire che nel Regno Unito le donne sono circa un milione in più degli uomini, quindi è possibile che abbiano avuto un ruolo importante nel determinare il risultato" scriveva Pollitzer. "La campagna a favore della Brexit l’ha capito molto bene e ha indirizzato messaggi specifici alle donne con argomenti pensati per far leva sulle loro solide convinzioni di madri e responsabili del lavoro di cura". 

"Tra le leggi a rischio di modifica o abrogazione nel Regno Unito a seguito della Brexit ci sono quelle sulla parità di genere" ricordava Susan Senior nel suo articolo. "Fin dall’inizio l’Unione europea ha avuto un ruolo fondamentale nella promozione della parità e la presenza di femministe e donne molto competenti a livelli medio alti dello staff hanno tenuto vivo il tema all’interno della commissione garantendo che l’agenda sull’uguaglianza di genere non venisse dimenticata, anche se spesso questo non si è tradotto in una vera e propria attenzione né da parte delle politiche dei singoli stati né da parte di tutte quelle politiche tradizionalmente considerate “neutre” come le politiche economiche e monetarie o quelle mirate alla difesa e alla sicurezza".

Torniamo a parlarne, oggi, con un'analisi firmata da tre ricercatrici del Regno Unito: Colette Fagan, Nina Teasdale e Helen Norman. Un documento ricco di dati che ci spiega come e perché la Brexit, dopo gli anni delle politiche di austerità seguiti alla crisi finanziaria, rischia di fare male soprattutto alle donne. Leggi tutto l'articolo