Stefania Voli

Stefania Voli è dottoressa di ricerca in Storia delle donne e delle identità di genere in età Moderna e Contemporanea (Università L’“Orientale” di Napoli), con una ricerca sul rapporto tra memoria, femminismi e militanza nel contesto della sinistra extraparlamentare italiana degli anni Settanta. Dal 2012 è (nuovamente) dottoranda in Metodologia della ricerca sociale (Università di Milano-Bicocca) dove sta lavorando sulla costruzione sociale dei corpi transessuali in Italia. Fa parte della Commissione della Scuola Estiva della Società Italiana delle Storiche. Attivista e collaboratrice del Mit (Movimento identità transessuale) di Bologna. Tra le sue pubblicazioni: Quando il privato diventa politico: Lotta Continua 1968-1976, Edizioni Associate, 2006; Angela Miglietti. Noi e il nostro corpo: storia di una traduzione, “Zapruder”, n. 13/2007; “Allargare la polis dei generi. Movimenti femministi e movimento transessuale tra anni Settanta e Ottanta in Italia: silenzi, azioni e omissioni. Una questione storiografica da aprire”, in C. Casanova, V. Lagioia (a cura di), Genere e Storia: percorsi, BUP, 2014; “La violenza femminile singolare”, in L. Guidi, M. R. Pellizzari (a cura di), Nuove frontiere per la Storia di Genere, vol. 1, Libreria Universitaria Edizioni, Salerno 2014; Declinare le differenze. Intervista a Lea Melandri, "DWF", 3-4, 2014.

Articoli pubblicati

Perché una donna transessuale nei bagni delle donne viene percepita come una violenza? Alla vigilia della giornata mondiale contro le omotransfobie, un'analisi sul potere normativo degli spazi rispetto ai corpi

Articolocorpi - geografie - sessualità - stereotipi