Francesca Bettio

Insegna economia del lavoro e applicazioni microeconometriche all'Università di Siena. È membro dell'editorial board di riviste nazionali e internazionali e ha una lunga esperienza di collaborazione scientifica con diverse organizzazioni internazionali nelle proprie aree di competenza. Attualmente è coordinatore scientifico del network di esperte Enege (European Network of Experts on Gender Equality) che assiste la Commissione europea.

Articoli pubblicati

Con l'emancipazione economica la violenza sulle donne cambia modalità e target. Il rapporto appena pubblicato dalla Commissione europea a partire da un'indagine condotta su 40mila donne, spiega come interagiscono violenza e indipendenza economica

Articoloempowerment - famiglie - lavoro - politiche - violenza

Possiamo permetterci di investire in asili nido e raggiungere lo standard europeo nell'offerta dei servizi all'infanzia? I risultati di una simulazione finanziaria dicono di sì

Articolocura - finanza pubblica - politiche - spesa pubblica

La crisi Greca e l'economia senza contanti, ne parliamo con Platon Tinios, economista e docente della Piraeus University

Articolocrisi economica - Grecia - storie

Il governo approva i decreti delega del Jobs Act, tra le altre misure innalza il tetto del reddito da lavoro accessorio da 5000 a 7000 euro. Pochi giorni fa il presidente dell'INPS Tito Boeri avvertiva: il lavoro accessorio è la nuova frontiera del precariato. Ecco cosa sono e come funzionano i voucher o buoni lavoro, come e da chi vengono usati e cosa ci rivelano i dati

Articololavoro - politiche - precarietà

La sentenza della Corte sulle pensioni è motivata dai principi di solidarietà e uguaglianza. I numeri però ribaltano la prospettiva, dicendoci che la sentenza entra in conflitto con la stessa idea di equità insita nei principi costituzionali che vuole difendere

Articolodiseguaglianza - pensioni - spesa pubblica

Le donne hanno superato gli uomini nell'istruzione, e contribuiscono sempre più ai bilanci familiari. Eppure rimane un notevole divario nei redditi (in Italia del 43,5%). Determinato non solo dal cosiddetto "gender pay gap", ma anche da scarsa occupazione femminile e segregazione nel part-time. Il punto della situazione in fatto di uguaglianza di genere, a 20 anni dalla piattaforma di Pechino

Articolodiseguaglianza - lavoro - pay gap - retribuzioni

Una sperimentazione ha riservato alle lavoratrici la possibilità di andare in pensione prima, ma accettando un assegno più basso. Le adesioni sono state moltissime: come mai? E ora che sta per finire le proteste sono numerose

Articolocura - pensioni - welfare

Alcuni economisti vedono solo il buco, l'occupazione che diminuisce. Altri la ciambella, il contenimento dello sfruttamento, soprattutto nei lavori atipici tanto diffusi tra le donne

Articololavoro - retribuzioni

Paragonate a quelle maschili, le pensioni delle donne arrivano solo al 20 del mese. In media le pensionate percepiscono infatti il 31% in meno dei beneficiari maschi della stessa età. E' una disparità più grave di quella sui salari, ma che resta invisibile

Articolodiseguaglianza - pensioni - povertà

L'effetto-crisi sui differenziali di genere non è uguale per tutti. Se si guarda alle retribuzioni, l'Italia va controcorrente: mentre in tutt'Europa il gap salariale di genere è sceso, da noi è aumentato. Per l'arrivo di nuove occupate che guadagnano poco, e la precarizzazione delle giovani donne più istruite

Articolopari opportunità - lavoro

Scende l’età media, salgono le donne. Il nuovo parlamento ha due record storici, con il maggior tasso di ricambio per età e sesso. E’ un’opportunità per cambiare? Sì, a patto che si vedano e si superino alcuni grossi limiti. E che le questioni generazionali e di genere entrino davvero nell’agenda dei lavori

Articolopari opportunità

Per molte giovani la maternità è un diritto impossibile. Ma non si risolve il problema con un assegno universale, svincolato dal diritto a un reddito e a un lavoro decente. Una critica ad alcune proposte del gruppo Maternità&Paternità: cambiare il welfare è necessario, ma senza salti all'indietro

Articolopari opportunità - lavoro

Il libro di Chiara Valentini accende la denuncia: lavoro e maternità in Italia restano ampiamente inconciliabili e inconciliati. Perché? Per quale motivo il bene pubblico (i figli) si traduce in costi solo privati (e femminili)? Quali i primi nodi da affrontare? Cominciamo da tre: piccole imprese, pubblico impiego e flessibilità buona

Recensionefamiglie - lavoro

He-cession o she-cession? Mentre negli Usa si dibatte sul sesso della crisi, vengono fuori i dati sugli effetti del piano Obama: gli aiuti sono andati paritariamente al lavoro femminile e maschile. Una piccola lezione all'Europa sull'efficacia delle infrastrutture sociali, e sui pericoli dei pacchetti generalizzati di austerità

Articolofinanza pubblica

Il problema dell'invecchiamento e quello del lavoro: le due soluzioni possono viaggiare insieme, e gli anziani possono diventare il motore della ripresa. Il modello francese dei vouchers e la necessità di una strategia che può liberare e potenziare il lavoro femminile

Articololavoro - welfare

Il "sorpasso di genere" in Italia è una realtà per il 16,1% delle coppie nelle quali lavorano tutti e due i coniugi. Un dato che rovescia le classifiche europee, nelle quali non brilliamo per indicatori di parità. Ma spesso è un sorpasso tra poveri

Articolofamiglie - lavoro

La recessione di oggi in Europa colpisce le donne più di quanto non accadesse nel passato. Ma le misure anti-crisi non ne tengono conto. Se lo facessero, saremmo più vicini alla soluzione: cambiare i sistemi di welfare e investire nelle infrastrutture sociali

Articololavoro