Stefano Ciccone

Nato a Roma nel 1964, partecipa a Maschile plurale, rete di gruppi di riflessione critica sul maschile e di iniziativa di uomini. Nel 2007 ha contribuito a promuovere l’omonima associazione nazionale che raccoglie la rete di gruppi maschili esistenti. Partecipa a gruppi di riflessione e ricerca di donne e uomini sui ruoli e le rappresentazioni di genere come «Suigeneri» presso l’Università dell’autobiografia di Anghiari, «Intercity-Intersex, donne e uomini dopo il femminismo», il seminario annuale promosso dall’Associazione «identità e differenza». Ha pubblicato nel 2009 con l’editore Rosenberg & Sellier il libro "Essere maschi. Tra potere e libertà" e nel 2011 "Il legame insospettabile tra amore e violenza" con Lea Melandri. Ha inoltre scritto molti articoli e interventi in occasione di convegni sul tema della maschilità.

Articoli pubblicati

I percorsi migratori implicano la ridefinizione e il mutamento dei modelli maschili tradizionali, lo racconta il libro "Uomini in movimento" di Francesco Della Puppa letto per inGenere da Stefano Ciccone

Recensionegeografie - migrazioni - stereotipi

Scriveva Elena Gianini Belotti «Che cosa può trarre di positivo un maschio dalla arrogante presunzione di appartenere a una casta superiore soltanto perché è nato maschio? La sua è una mutilazione altrettanto catastrofica di quella della bambina persuasa della sua inferiorità per il fatto stesso di appartenere al suo sesso». La risposta è una lunga storia di riflessione maschile su come agire cambiamenti politici, personali, relazionali che aprano spazi di libertà

Articolostorie - violenza

Infatti, solo se non metterà barriere fra sé e coloro che maltrattano le donne, capirà gli altri e si farà capire. Un primo bilancio sull’esperienza dei centri sul disagio maschile, che a fine maggio tornano a vedersi e a fare il punto. Con Maschile plurale e le ricercatrici di le Nove

Articolocorpi - pari opportunità - violenza