Articoloricerca - storie

Un ricordo
di Valeria

Un ricordo di Valeria Solesin, uccisa insieme a molte altre persone durante gli attentati di Parigi. Valeria era una studiosa e si occupava di genere e demografia. Nelle parole di una collega un omaggio alle sue capacità di ricerca, al suo entusiasmo e al suo pensiero 

Articoli correlati

Le donne rappresentano la maggior parte degli occupati nel settore del turismo, e sono sempre di più le viaggiatrici che partono da sole o con le amiche. Ritratto di un mercato particolarmente colpito dalla pandemia, e alcune idee per una ripresa inclusiva e responsabile

Marta Venturini, compositrice e produttrice, ha lanciato Calcutta nel 2015 e ha lavorato con alcune delle voci più note in Italia, da Paola Turci a Emma Marrone, passando per Giusy Ferreri e Fedez. In un'intervista ci racconta cosa significa fare questo lavoro

Sempre più spesso le musiciste non bianche arrivano in cima alle classifiche grazie allo stereotipo della nera ipersessualizzata, in un cocktail di contraddizioni che professa l'empowerment e interiorizza la misoginia. Mai come oggi il rap e l'hip-hop hanno bisogno di letture intersezionali

Undici idee sulle città del futuro nate da un progetto della Fondazione Giacomo Brodolini per l'inclusione delle ragazze nello studio delle discipline tecniche e scientifiche e finanziato dal Dipartimento per le Pari Opportunità

L'orrore e la violenza sembrano toccarci di più quando sono vicini: l'uccisione di popolazione inerme ci colpisce maggiormente se avviene a Parigi, in luoghi noti che abbiamo abitato, piuttosto che quando devasta regioni remote che solo con qualche sforzo riusciamo a collocare sulla carta geografica. 

Allo stesso modo, quando dalla massa indistinta delle vittime emerge un nome che sappiamo associare a una persona, a una storia, a un'esperienza condivisa, lo sgomento per la morte di tanti anonimi che non abbiamo mai incontrato si coagula attorno al dolore e alla pietà nei confronti di qualcuno che non potremo mai più rivedere. 

Ho conosciuto Valeria Solesin due anni fa in occasione di un convegno a Trento: presentavamo nello stesso panel e i temi che toccavamo erano molto vicini. Nonostante la differenza di età abbiamo trovato, durante quei giorni, molte cose che ci accomunavano e, nei mesi successivi, abbiamo continuato a scriverci raccontandoci dei nostri lavori e coltivando progetti di collaborazione intorno ai temi di comune interesse. 

L'ultima volta che ci siamo viste nel giugno scorso al congresso dell'Associazione francese di sociologia siamo rimaste a lungo a parlare sedute sul prato del campus universitario di St.Quentin en Yveline. Arrivata finalmente al suo ultimo anno di dottorato, cambiato il direttore di tesi e firmato quel giorno stesso il contratto d'affitto per un nuovo appartamento più grande dove vivere con il suo compagno, Valeria, solare, animata dall'ottimismo e dalla determinazione che avevo imparato a conoscerle, sembrava proiettata verso un futuro pieno di possibilità. 

Con la sua ultima mail mi informava di un convegno sui temi che ci interessavano che si sarebbe tenuto nuovamente a Trento; io ci sono andata, lei purtroppo no. 

Mentre la sera rientrando a Firenze pensavo a cosa le avrei scritto per raccontarle di quei giorni trentini, Valeria si stava probabilmente preparando ad uscire: era il 13 novembre e non c'è stato tempo per raccontarle più niente. 

Il tempo non c'è stato nemmeno per conoscere fino in fondo cosa avesse compreso, grazie alla sua ricerca di dottorato, dei comportamenti di fecondità delle donne italiane e francesi; non avremo la possibilità di leggere la sua analisi, le sue considerazioni, di veder maturare e svilupparsi il suo pensiero già così fine, di conoscere i temi che l'avrebbero appassionata nelle future attività di ricerca. È certo poca cosa di fronte a chi l'ha persa come figlia, come affetto, come amica.

Vorrei rendere omaggio a Valeria, alle sue capacità di giovane studiosa, facendo circolare i due saggi che aveva recentemente pubblicato nella speranza che questo possa lasciare, anche in coloro che non hanno avuto la fortuna di conoscerla, una piccola memoria del suo troppo breve passaggio.

Solesin V., 2013, Allez les filles, au travail, Neodemos

Solesin V., 2015 Asimmetrie fuori e dentro il mercato del lavoro. Una comparazione tra Francia e Italia sui ruoli di genere e l’attività professionale, pubblicato negli atti del Convegno  "Districare il nodo genere-potere" pp. 534-556.

Leggi anche Valeria Solesin, il ricordo dell'Institut national d'études démographiques