Newsdisuguaglianze, politica

La disuguaglianza è una scelta politica

Foto: Unsplash/ Ben Allan

"La disuguaglianza è sempre una scelta politica", a dirlo è Lucas Chancel, autore principale del nuovo World Inequality Report appena diffuso dal World Inequality Lab, che presenta i dati aggiornati sulle disuguaglianze nel mondo analizzandole per distribuzione della ricchezza, reddito, genere e ambiente.

Nel 2021, spiega il rapporto "dopo tre decenni di globalizzazione commerciale e finanziaria, le disuguaglianze globali restano estremamente marcate: oggi sono ampie quasi quanto lo erano al culmine dell'imperialismo occidentale all'inizio del XX secolo. Inoltre, la pandemia ha esacerbato ancora più i divari".

I dati del rapporto mostrano che l'1% più ricco della popolazione, ha assorbito il 38% di tutta la ricchezza aggiuntiva accumulata dalla metà degli anni '90, con un'accelerazione dal 2020, e che oggi le disuguaglianze non sono solo un problema di paesi ricchi e paesi poveri, ma anche e soprattutto di quanto sono alte le emissioni di anidride carbonica all'interno dei singoli paesi. 

Tra i capitoli, uno è dedicato all'"altra metà del cielo" e fornisce i dati della disuguaglianza di genere nei guadagni globali.

Complessivamente, dice il rapporto, la quota delle donne sul reddito totale da lavoro (reddito da lavoro) si avvicinava al 30% nel 1990 e raggiunge oggi il 34%. Le attuali disuguaglianze di genere nei guadagni rimangono quindi molto elevate: in un mondo in cui ci fosse davvero parità, le donne guadagnerebbero il 50% di tutti i redditi da lavoro. Invece in 30 anni i progressi sono stati molto lenti anche a livello globale. E le dinamiche sono state diverse tra i paesi, con alcuni che hanno registrato progressi e altri che hanno segnato una riduzione della quota di reddito femminile.

In generale, conferma il rapporto, le donne guadagnano solo un terzo del reddito da lavoro di tutto il mondo.

Leggi il rapporto