Alisa Del Re

Professoressa associata in Scienza Politica presso la Facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Padova dove insegna: Partiti Politici e gruppi di pressione nella UE e Politiche sociali e di Pari opportunità nell’Unione Europea. Direttora del CIRSPG (Centro
interdipartimentale di Ricerca: Studi sulle Politiche di genere). E’ stata responsabile scientifica per quattro annualità del corso “Donne politica istituzioni” cofinanziato dal Ministero delle Pari Opportunità e dall’Università di Padova. Ha partecipato a ricerche europee sulla cittadinanza sociale (CNR, Paris VII, ULB), sulle politiche familiari (CNAF), le trasformazioni socioeconomiche e demografiche (DGV), la problematica di genere della cittadinanza politica (DGXII), la rappresentanza politica nel parlamento europeo (DGXII), la qualità del governo delle città da un punto di vista di genere (DGXII). E’ nel comitato di redazione della rivista Cahiers du GENRE

Articoli pubblicati

Doppia preferenza, quote di lista, parità numerica nella composizione degli organi di governo. Verifichiamo l’impatto di genere che queste norme hanno prodotto, iniziando dal Veneto

Articolodiritti - istituzioni - pari opportunità - politiche

Come stanno le pari opportunità in Italia? Dalle consigliere di parità alla Carta europea, passando per leggi e istituti. L'inchiesta curata per noi da Alisa Del Re e Lorenza Perini del Centro di ricerca sugli studi di genere dell'Università di Padova

Articolodiritti - istituzioni - pari opportunità

Cambiano le città perché cambia il rapporto tra vita e lavoro. Alisa Del Re ripercorre la geografia delle trasformazioni urbane dall'epoca fordista ai nostri giorni

Articoloambiente - città - geografie - lavoro

Quote elettorali, istruzioni per l'uso. Rispondiamo ai luoghi comuni e cerchiamo di capire meglio come, ma soprattutto a quali condizioni funzionano. Pre-requisito necessario: fare politiche paritarie

Articolopari opportunità

L'esiguità della presenza delle donne nello spazio pubblico è sconcertante. Ma la questione viene periodicamente posta e poi dimenticata. Per cambiare le cose, le quote di genere sono un primo passo. Non il solo. Le istituzioni europee si limitano a interventi deboli, devono muoversi stati e regioni

Articolopari opportunità