Simona Tenaglia

 

Lavora come ricercatrice nell’Area Politiche sociali e pari opportunità dell’Isfol. Ha lavorato come assegnista di ricerca presso l’Area Diritto ed Economia dell’Isae ed ha conseguito il dottorato di ricerca  in Teoria Economica e istituzioni presso l’Università Tor Vergata di Roma. Ha lavorato come consulente per la DGE System su temi della disoccupazione di lunga durata. I suoi interessi di ricerca riguardano prevalentemente misure di benessere e povertà, behavioral economics e lavoro femminile. 

 

Articoli pubblicati

Le donne protestanti hanno la probabilità maggiore di essere occupate, quelle musulmane e cristiano-ortodosse la minore. Uno studio sull'influenza delle diverse religioni sull'occupazione femminile, che tiene conto anche dei diversi contesti sociali e nazionali. Con interessanti sviluppi per le seconde generazioni di immigrate

Articololavoro - religione

A volte le imprese offrono orari flessibili utili per l'organizzazione della vita familiare, oppure servizi di welfare, come i nidi. Ma le donne si avvantaggiano meno degli uomini di queste possibilità, perché hanno minore potere contrattuale in azienda. Il che si vede anche da premi e benefit vari

Articololavoro

"Se la madre lavora, i bambini soffrono". "I padri sono bravi come le madri nel prendersi cura dei bambini". Una ricerca confronta i favorevoli e i contrari a queste affermazioni con la religione diffusa nel paese. Indovinate cosa ne viene fuori

Articolofamiglie - lavoro

Le donne all'interno del mondo "Neet", ossia del gruppo - notevole in Italia - di giovani che non lavorano né studiano: quante sono, dove sono, e perché non cercano lavoro né formazione? I dati di una ricerca lombarda mostrano che ai fattori economici si aggiunge il peso di retaggi culturali. Soprattutto quando arrivano i bambini

Articolofamiglie - lavoro

C'è una correlazione statistica tra religione, cattolica e ortodossa, e scarso tasso di occupazione femminile. Un spunto di riflessione su quanto i valori religiosi influenzano le scelte delle donne e le loro possibilità di affermarsi lavorativamente

Articololavoro